Condividi

A scuola si studierà la lingua siciliana. Lagalla: “Contiamo di partire a settembre”

venerdì 18 Maggio 2018

La lingua siciliana, dichiarata dall’UNESCO, lingua madre, fa il suo ingresso tra i banchi di scuola dell’Isola.

Dopo la decisione del governo regionale, maturata nei giorni delle celebrazioni dello Statuto, l’assessorato all’Istruzione e Formazione professionale sta avviando la fase operativa come conferma l’assessore Roberto Lagalla: “Quasi certamente andrà collocata dentro l’insegnamento di una materia letteraria. Andrà valutato se l’ora dovrà essere aggiunta al consueto orario settimanale o in sostituzione ad altre. Modalità, contenuti e proposte devono ancora ratificati nel dettaglio”

Verrà costituito un tavolo tecnico tra la Regione, le quattro università siciliane, e l’ufficio scolastico regionale.

L’obiettivo  è di partire con la novità della materia supplementare sin dal prossimo anno scolastico che prenderà il via a settembre. Dovrebbe trattarsi di un’ora a settimana: “Saranno previsti ai diversi livelli di insegnamento –precisa l’assessore-  Uno che sia indirizzato alle scuole  primarie e secondarie di primo grado, e un altro di altro tipo di approfondimento che riguardino le scuole superiori”.

L’iniziativa del governo pone dunque un problema specifico che va nella direzione di una decisa considerazione di un patrimonio linguistico di tradizioni e di storia che ha accusato nel tempo un progressivo accantonamento. Adesso toccherà alle scuole e ai ragazzi siciliani, a iniziativa perfezionata, esprimere o meno il loro gradimento.

Il siciliano oltre a tutte le varianti dialettali dell’isola, include i dialetti della Calabria centro-meridionale e quelli salentini ed è correntemente parlato da più di 5 milioni di siciliani. Le varie dominazioni che hanno attraversato la Sicilia nel corso dei secoli hanno lasciato tracce significative anche sotto questo punto di vista. Stanno insieme, sotto la stessa lingua con le sue espressioni,  influenze provenienti dal greco, dal latino, dall’arabo, dal francese, dal catalano, dallo spagnolo e da molti altri idiomi.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, scuole, riscaldamenti e pulizia: dai minisindaci le segnalazioni alla II circoscrizione CLICCA PER IL VIDEO

Fotografare lo stato di salute delle scuole elementari della II circoscrizione di Palermo attraverso lo sguardo attento degli stessi alunni. E, allo stesso tempo, avvicinare i più piccoli alla politica, spiegando come funziona la macchina amministrativa.

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.