Condividi

Anello ferroviario, Tecnis pagata col contagocce. Il 24 maggio tavolo in Prefettura

mercoledì 17 Maggio 2017

Si è tenuta stamane, dalle 7 alle 10, un’assemblea dei lavoratori della ditta catanese Tecnis, che secondo i sindacati sarebbe “a rischio chiusura”, visto che avanza qualcosa come 40 millioni di euro da varie amministrazioni. La scorsa settimana c’è stato uno sciopero di 8 ore e la vertenza è stata discussa a Roma, al Ministero dello sviluppo economico.

Foto Amari Cantieri

Le maestranze sono in stato d’agitazione e oggi i sindacati hanno comunicato ai lavoratori i risultati delle interlocuzioni di questi giorni dei sindacati con Ferrovie e impresa. “Abbiamo appreso ieri dalla stazione appaltante Rfi, e dalla stessa azienda, che a partire da venerdì Ferrovie pagherà a Tecnis gli stati di avanzamento lavori (Sal) 23 e 24 maturati – dichiarano Piero Ceraulo e Francesco Piastra per la Fillea Cgil Palermo e Ignazio Baudo e Salvatore Puleo per Feneal Uil – Il primo, da 1 milione 300 mila euro, andrà quasi interamente ai subappaltori. Il secondo, da 1 milione, resterà in azienda. I lavoratori hanno stabilito, pertanto, insieme alle organizzazioni sindacali, di chiedere che i soldi degli incassi delle fatture vadano oltre che ai fornitori anche alle maestranze impegnate. Aspetteremo un primo saldo degli stipendi. Se gli incassi non saranno utilizzati per pagare le spettanze arretrate, alla luce del mancato pagamento avvieranno altre forme di lotta”.

Lo stato di agitazione proclamato per oggi non ha consentito la regolarità delle lavorazioni per la durata delle tre ore di assemblea. “Non c’è mai stata una dichiarazione di sciopero per tutta la giornata”, dicono Fillea Cgil e Feneal Uil. Oggi, inoltre, è partita la richiesta d’autorizzazione di un presidio in Prefettura per mercoledì 24 maggio. “Intendiamo sensibilizzare il prefetto nella convocazione urgente di un tavolo con Comune di Palermo, Rfi e Tecnis – aggiungono Piastra e Ceraulo e Puleo e Baudo – Le organizzazioni sindacali propongono una strada precisa, che l’azienda possa gestire economicamente il cantiere dell’anello ferroviario con gli incassi maturati dalle lavorazioni stesse. Pensiamo a un accordo che vincoli le risorse provenienti dal cantiere su Palermo e sulle maestranze palermitane, in modo da consentire lo svolgimento regolare delle lavorazioni. Per noi il cantiere si deve finire”. 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.