Condividi
La dichiarazione

Autonomia differenziata, Venuti: “Serve mobilitazione per il referendum contro legge scellerata”

venerdì 21 Giugno 2024

L’Autonomia differenziata è come la ‘cronaca di una morte annunciata’ per le aree svantaggiate del Paese e soprattutto per il Sud. Se ne sono accorti tutti, dalla Chiesa alla Comunità europea fino a diversi governatori delle regioni meridionali di centrodestra“. Così l’ex sindaco di Salemi Domenico Venuti ha commentato l’approvazione nei giorni scorsi della legge sull’Autonomia differenziata, passata in Senato con 172 voti favorevoli.

A non averlo capito, o a far finta di non capire, – prosegue Venuti – sono i parlamentari nazionali del centrodestra siciliani, che hanno votato in silenzio la seconda ‘porcata’ firmata Calderoli, e il presidente Schifani con al seguito l’intero governo regionale. E questo spero sarà uno spunto di riflessione per i siciliani, che rischiano oltre al danno la beffa di diventare complici a loro insaputa di questo scempio. Per questo è necessaria una mobilitazione che, partendo dai partiti di opposizione, dagli enti locali e dalle associazioni di categoria, coinvolga tutti per affrontare una battaglia che non deve fermarsi alle mere considerazioni ma deve proseguire con azioni concrete fino al referendum, che resta l’ultimo e unico strumento per porre fine a questa legge scellerata“.

Dividere anziché unire, alimentare la confusione sulle competenze, ampliare il divario socio economico tra nord e sud, sono le poche certezze che deriveranno dall’approvazione definitiva di una norma che è il manifesto ideologico a cui si sta aggrappando un partito in agonia quale è ridotto la Lega unitamente al suo leader. Come segretario provinciale del Pd e presidente regionale di Ali Autonomie promuoverò, insieme con quanti lo vorranno, ogni azione utile per sensibilizzare tutti e bloccare questo pasticcio, prima che le conseguenze ci travolgano. Sarebbe auspicabile – conclude – un sussulto di dignità da parte dei parlamentari regionali che sostengono il governo, ma temo che resterà uno dei tanti appelli inascoltati ai quali ci hanno abituati in questi anni“.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.