Condividi

Ecosistema marino, Legambiente rinnova a New York il suo impegno per la tutela

domenica 26 Giugno 2022
(tesori del mare Milazzo)

Dal 27 giugno al 1° luglio 2022 a Lisbona si terrà la II Conferenza delle Nazioni Unite sull’Oceano. Un evento di rilevanza mondiale che vede la partecipazione dei Governi, della società civile e dei partner del settore imprenditoriale e associativo, esortandoli ad assumere un ruolo attivo nel raggiungimento degli obiettivi dell’SDG 14 – Salvaguardare la vita marina – e a impegnarsi per la sostenibilità delle risorse marine.

In un momento così critico e decisivo per gli oceani e i mari, Legambiente è particolarmente orgogliosa di poter confermare la sua partecipazione attiva alla Conferenza di Lisbona anche organizzando un side event online, Scienza e conoscenza: una rete a tutela del Mediterraneo contro i rifiuti marini, che si terrà martedì 28 giugno alle ore 10.30 (ora italiana). Sulla scia dell’impegno sottoscritto in partnership con l’Università di Siena nel 2017 alla I Ocean Conference a New York, durante l’evento online saranno presentati i progressi ottenuti finora nella tutela della salute del Mediterraneo, con particolare attenzione al tema del marine litter, i rifiuti dispersi nel mare e lungo le coste.

Gli oceani e i mari sono stati spesso considerati come fonte di materie prime illimitate in grado di sostenere la crescita industriale, ma anche di assorbire la produzione incontrollata di qualsiasi tipo di rifiuto. Ma negli ultimi anni, in particolare, le plastiche sono diventate una grave minaccia crescente per l’ambiente marino, con effetti letali per le specie marine e con potenziali minacce per la salute umana.

I rifiuti intrappolano, feriscono o vengono ingeriti dagli organismi acquatici, offrono trasporto alle specie aliene per raggiungere ambienti estranei al loro ambiente originale, ma il problema più grande è che le plastiche non scompaiono. Rimangono per decenni nell’ambiente e si frammentano in pezzi sempre più piccoli, impossibili da rimuovere e da individuare: le microplastiche (frammenti di dimensione minore di 5 mm), che hanno una via facilitata per entrare nella catena alimentare e contaminarla.

“Per questo motivo – ha dichiarato il direttore generale di Legambiente, Giorgio Zampetti – affrontare il problema del marine litter nel Mediterraneo rappresenta una delle sfide più complesse degli ultimi anni. Data la natura degli ambienti marini, non isolati dal contesto circostante, i problemi legati al mare possono essere affrontati solo a livello comunitario e attraverso un approccio multi-istituzionale integrato, in cui i diversi attori politici e della società civile possano lavorare insieme e in modo coordinato. Con questo obiettivo abbiamo intrapreso un importante percorso con l’Università di Siena che ci ha portato a costruire un importante network che oggi coinvolge tante realtà scientifiche, istituzionali e associative in diversi Paesi costieri del Mediterraneo, per un’azione coordinata e unitaria, ancora oggi assente.”

Durante l’evento i relatori non si limiteranno al trasferimento di informazioni per migliorare la consapevolezza del fenomeno dei rifiuti marini, ma avranno l’occasione di confrontarsi sulla possibilità di mettere in campo nuovi strumenti e attività che integrino scienza e campagne di sensibilizzazione. Un nuovo approccio partecipativo che coinvolga le parti interessate e le comunità locali, con l’ambizione di testare un modello potenzialmente trasferibile a tutto il bacino mediterraneo.

Il side event online vedrà la partecipazione di Giorgio Zampetti, Direttore Generale di Legambiente OnlusMaria Cristina Fossi, Professoressa di ecologia ed ecotossicologia all’Università di Siena; Alessandra Sensi, Union for Mediterranean; Sigi Gruber, European Union; Eleni Hatziyanni, DG MARE; Vincent Ernoux, ENI CBC Med Program/Interreg NEXT MED, Francesca Marcato, InterregMed; and Sana Ben Ismail, INSTM.

L’evento online sarà trasmesso in diretta streaming sul canale YouTube di Legambiente, e disponibile nei giorni successivi sui canali social COMMON Twitter e Facebook.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, arriva il villaggio contadino e “sparisce” il Politeama: è questa la Capitale della Cultura? CLICCA PER IL VIDEO

Ma spieghiamo meglio. Provate a scendere da via Paternostro, angolo via Garzilli: davanti a voi vedrete un muro talmente alto di materiale accatastato, da non riuscire a distinguere più il Politeama

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.