Condividi

Istruzione, 8,5 milioni per gli Its in Sicilia. Lagalla: “Diamo competenze ai giovani”

martedì 3 Agosto 2021
Lagalla

Stanziati quasi 8 milioni e mezzo per il piano dell’offerta formativa degli undici Istituti tecnici superiori in Sicilia in riferimento al biennio 2021/2023. A darne comunicazione è l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale, Roberto Lagalla, che sottolinea l’importanza del potenziamento di questi percorsi di specializzazione tecnica post-diploma, pensati come un anello di congiunzione tra giovani e mondo del lavoro, grazie a una fitta rete di collaborazione con enti locali, università, centri di ricerca scientifica e tecnologica, aziende e soggetti privati.

«Come ampiamente rilevato dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), gli Its svolgono un ruolo fondamentale nel campo della formazione professionalespiega Lagalla e il governo Musumeci intende accompagnare il sistema regionale Its verso il raggiungimento di elevati standard qualitativi. Vogliamo rafforzare ulteriormente l’offerta di istruzione terziaria non universitaria e implementare nuove competenze in linea con i fabbisogni delle imprese, contribuendo in questo modo alla promozione dei processi di innovazione connessi allo sviluppo del territorio regionale. Occorre continuare a investire sui giovani e sulla formazione di competenze altamente specializzate, per garantire competitività e chance occupazionali alle prossime generazioni».

L’avviso si rivolge agli undici Its riconosciuti e operanti in Sicilia, ma quest’anno c’è una novità: differentemente dagli anni precedenti oggi ci sono due linee di intervento e la seconda, in particolare, dispone un finanziamento aggiuntivo alle Fondazioni Its risultate meritevoli di premialità nel monitoraggio nazionale, affinché promuovano l’internazionalizzazione e l’attività di ricerca.

Nello specifico, la linea 1 si rivolge sia alle Fondazioni i cui corsi, già conclusi, risultano positivamente collocati nel monitoraggio nazionale Indire 2021, con un’offerta formativa di massimo quattro corsi biennali, sia alle Fondazioni i cui corsi non risultano positivamente collocati nel monitoraggio nazionale, con un’offerta formativa di due corsi biennali. Sempre a questa linea di finanziamento, possono fare istanza le Fondazioni di nuova costituzione, con un’offerta formativa di due corsi biennali. Per la linea 2, invece, potranno concorrere esclusivamente le Fondazioni risultate meritevoli di premialità nazionale nel monitoraggio. In questo caso, la quota di finanziamento dovrà essere destinata all’attivazione di due nuovi percorsi biennali, aggiuntivi ai precedenti, finanziati con la linea 1, coerenti con l’ambito tecnologico di riferimento e orientati all’internazionalizzazione e allo sviluppo dell’attività di ricerca.

Il sistema Its ha già dimostrato di rappresentare un segmento cruciale della infrastruttura formativa siciliana poiché risponde alla domanda, espressa da parte delle imprese, di profili professionali con elevate competenze tecniche nei settori più avanzati della produzione, dell’efficienza energetica, delle nuove tecnologie, nonché delle attività culturali, del turismo, dell’ingegneria, dell’informazione e della comunicazione.

SCHEDA SUGLI ITS
Gli Its sono Fondazioni di partecipazione, dotate di autonomia statutaria, didattica e di ricerca, organizzativa, amministrativa e finanziaria, nate attraverso un sistema che mette in rete istituti scolastici superiori, imprese, università, centri di ricerca ed enti locali, con la possibile partecipazione di soggetti privati ed aziende. Le Fondazioni operano nel rispetto degli indirizzi della programmazione regionale e degli standard definiti a livello nazionale. L’offerta formativa di Istruzione tecnica superiore consente di realizzare percorsi formativi biennali per il conseguimento di un diploma di tecnico superiore – collocati nel V livello EQF (Quadro europeo delle qualificazioni) da avviare nell’annualità 2021/22 – da parte degli Its che costituiscono istituti di eccellenza ad alta specializzazione tecnologica per le finalità assegnate dalle norme da cui discendono.

Le Fondazioni siciliane, già operanti sul territorio, sono: Its Archimede “Tecnologie Innovative per i beni e le attività culturali” di Siracusa, Its “Efficienza energetica” di Enna, Its Albatros “Nuove tecnologie per il made in Italy” di Messina, Its “Mobilità Sostenibile e trasporti” e Its Steve Jobs “Tecnologie dell’informazione e della comunicazione” di Catania, Its Sicani “Nuove tecnologie per il made in Italy – Agroalimentare” di Agrigento, Its Madonie “Tecnologie e sistemi agroalimentari”, Its Alessandro Volta “Nuove tecnologie della Vita” e InfoMobPmo “Mobilità sostenibile di Palermo, Its Emporio del Golfo “Nuove tecnologie per il made in Italy” di Trapani, Its Aerospazio Sicilia “Mobilità sostenibile” di Ragusa.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, assessore Cannella: “La luce e Santa Rosalia protagoniste del Natale 2022” CLICCA PER IL VIDEO

In un’intervista per ilSicilia.it l’assessore alle Politiche culturali del Comune di Palermo, Giampiero Cannella, svela qualche anticipazione sul Natale 2022. E sulla Gam…

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.