Condividi
I controlli

La Guardia costiera di Palermo sequestra oltre 22 tonnellate di tonno rosso CLICCA PER IL VIDEO

lunedì 17 Giugno 2024

La Guardia Costiera di Palermo ha sequestrato, in un mese e mezzo, 23 tonnellate di pesce, compresi 130 esemplari di tonno rosso, per un totale di 19 tonnellate e mezzo, pescato illegalmente.

Durante i controlli, dal 1 maggio al 14 giugno, i militari hanno eseguito 220 ispezioni per un totale di 527 controlli, hanno accertato 45 illeciti amministrativi e irrogato sanzioni pecuniarie per un totale di 79.500 euro.

I controlli sono stati effettuati sia a venditori abusivi nei mercati rionali e in tutta la provincia, sia a mare, dopo aver fermato alcuni pescherecci che rientravano dalle battute di pesca trainando, nel tentativo di nasconderli, i tonni.

 

 

Nel palermitano sono state effettuate, solo nel periodo dal 1° maggio al 14 giugno, 220 ispezioni per un totale di 527 controlli, accertati 45 illeciti amministrativi, contestate sanzioni pecuniarie per un ammontare totale di 79.500 euro, sequestrate quasi 23 tonnellate di prodotti ittici e tra questi 130 esemplari di tonno rosso per un peso totale di 19,5 tonnellate. Diversi i target sottoposti a controllo nella città di Palermo. Presso i venditori abusivi presenti nei mercati rionali gli ispettori hanno sequestrato circa 2 tonnellate di tonno rosso, oltre a diversi altri prodotti ittici, esposti alla vendita senza alcuna documentazione attestante la tracciabilità, talvolta in condizioni igienico-sanitarie non assicurate, e contestato sanzioni amministrative per circa 15.000 euro.

Le verifiche su strada hanno consentito di accertare il trasporto di esemplari di tonno rosso a mezzo di vettori stradali in assenza del necessario B.C.D (Bluefin Tuna Catch Document) attestante la corretta provenienza dei pesci catturati. In tali circostanze i militari hanno sequestrato quasi 10 tonnellate di tonno rosso in diverse operazioni e contestato sanzioni amministrative per quasi 50.000 euro. Le attività ispettive sono state estese in tutta la provincia, sia a mare, fermando dei pescherecci di rientro dalle battute di pesca – non detentori di “quota” – con a rimorchio degli esemplari di tonno rosso nel tentativo di occultarli, che in ambito portuale e stradale sottoponendo a controllo alcuni furgoni isotermici utilizzati per il trasporto; come nei porti di Balestrate, Termini Imerese, Cefalù, Porticello, dove i militari dei locali presidi di Guardia Costiera – coadiuvati dagli Ispettori Pesca della Guardia Costiera di Palermo – sono intervenuti sequestrando 93 esemplari di tonno rosso per un peso totale di 12 tonnellate, non accompagnati dai documenti BCD, e contestando ai trasgressori sanzioni amministrative per un importo totale di 20.500 euro. Gli esemplari che sono stati giudicati idonei per il consumo umano da parte dei veterinari dell’ASP intervenuti, sono stati devoluti in beneficenza ad enti caritatevoli. Il dispositivo messo in campo ha coinvolto tutti gli Uffici marittimi della Direzione Marittima di Palermo, avente giurisdizione sul tratto di costa e di mare prospiciente dei Comuni costieri da Gela a Cefalù, incluse le Isole Pelagie, Pantelleria, le Egadi ed Ustica.

 

I controlli nelle altre province

Nel Trapanese, i militari della Guardia Costiera hanno operato durante la fase di sbarco da un peschereccio nel porto di Trapani e presso un’azienda ittica locale, sequestrando quasi 2 tonnellate di prodotti ittici tra cui 12 esemplari di tonno rosso, per un peso di circa 1.300 chili, e circa 600 chili di baccalà salato scaduto avviato alla distruzione come disposto dal servizio veterinario dell’ASP di Trapani. Nel complesso elevati verbali per un importo di 4.666 euro per irregolarità nella tenuta del giornale di pesca e per la mancata prenotifica di sbarco della specie tonno rosso.

Nell’Agrigentino e precisamente a Sciacca, Menfi e Licata, gli ispettori pesca della Guardia Costiera, in diverse attività ispettive a carico di mezzi isotermici, di motopesca intenti allo sbarco e presso un centro di distribuzione, hanno sequestrato 5.200 chili di prodotti ittici privi di documentazione attestante la tracciabilità, di cui 45 esemplari di tonno rosso del peso di quasi 2 tonnellate, non accompagnati dai documenti BCD. I medici veterinari della locale Azienda Sanitaria, chiamati ad intervenire presso il deposito ispezionato, hanno emanato un provvedimento di chiusura della cella frigo. Inoltre, durante il controllo dei pescherecci sono state sequestrate due reti da strascico non conformi alla normativa vigente, con conseguente assegnazione punti ai Comandanti e alle licenze di pesca.

 

I controlli complessivi nella Sicilia Occidentale

 

Nel complesso, i dati relativi all’intera operazione svoltasi nella Sicilia Occidentale nel periodo dal 1° maggio al 14 giugno sono: 1.547 controlli per un totale di 457 ispezioni, accertati 104 illeciti amministrativi, contestate sanzioni pecuniarie per un ammontare totale di 161.000 euro, sequestrate quasi 29 tonnellate di prodotti ittici di cui 153 esemplari di tonno rosso per un peso totale di 22,5 tonnellate.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.