Condividi
Il fatto

Messina, pneumatici lungo un torrente: accusato un venditore ambulante CLICCA PER IL VIDEO

martedì 18 Ottobre 2022

Qualche giorno fa i residenti della zona sud di Messina che si sono risvegliati con una montagna di pneumatici abbandonati (226) nell’alveo del torrente in appena dieci minuti. Questo il tempo impiegato dal venditore ambulante per scaricare gli pneumatici dallo stesso mezzo che poco più tardi ha utilizzato per caricare la frutta al mercato ortofrutticolo da vendere ai cittadini ignari e spesso clienti abituali.

È accaduto all‘alba, alle 3.50, e la vicenda è stata ricostruita attraverso il delicato e proficuo lavoro d’indagine degli uomini del Corpo della Polizia Ambientale, coordinato dagli ispettori Cosimo Peditto e Giacomo Visalli, che hanno scandagliato le immagini degli impianti di videosorveglianza della zona, riuscendo a ricostruire l’intero tragitto percorso dal soggetto con il suo furgone carico all’inverosimile, tanto da essere ben visibile e riconoscibile alle telecamere sia comunali che private. Identificato il responsabile dell’abbandono gli agenti hanno proceduto al deferimento dello stesso all’Autorità Giudiziaria ed al sequestro del veicolo.

Di giorno vendeva frutta nella zona sud della città e di notte abbandonava rifiuti: è quanto accertato dal reparto Ambientale del Corpo della Polizia municipale di Messina.

Al momento dell’intervento si sono registrati attimi di tensione ed una pattuglia della Polizia di Stato è intervenuta in supporto dopo che l’uomo è andato in escandescenza al momento del sequestro della frutta che aveva in vendita sull’autocarro, minacciando con un bastone gli operatori. L’area, oggetto di abbandono, è stata posta sotto sequestro e sarà bonificata, con addebito delle spese al responsabile, appena la Procura darà il via libera. L’Assessore alle Politiche Ambientali Francesco Caminiti si è complimentato per l’attività svolta ed i risultati conseguiti.

Il Comandante del Corpo Stefano Blasco ed il Commissario Giardina ricordano quanto sia grave un gesto simile che a pochi metri dal mare rischia di inquinare lo Stretto di Messina, modificando irrimediabilmente l’ecosistema dello stesso.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.