Condividi
Tutti i dettagli

Palermo entra nel vivo del 400° Festino: due carri, esibizioni e un’ora di giochi d’artificio CLICCA PER IL VIDEO

lunedì 8 Luglio 2024

Il tema sarà la speranza. Lo scenario troverà luogo tra le vie del tradizionale percorso del Cassaro. Le novità saranno parecchie, a cominciare dal doppio carro, passando per le tante esibizioni e i lunghi giochi d’artificio che dureranno circa un’ora. Ciò senza trascurare la sicurezza e l’organizzazione da parte delle società Partecipate del Comune di Palermo. Questi sono solo alcuni degli elementi che ispireranno il 400° Festino di Santa Rosalia. Un mix di modernità e tradizione. Compromesso necessario a dare la massima visibilità ad una manifestazione che vuole lasciare la chiave locale per innalzarsi ad un livello internazionale.  L’evento è stato presentato questa mattina al Palazzo Arcivescovile. Presenti alla cerimonia l’arcivescovo Corrado Lorefice, il sindaco Roberto Lagalla e il direttore artistico Marco Balich.

Due carri, esibizioni e giochi d’artificio: tutte le novità

Il corteo partirà intorno alle 21.15 con il primo atto che si svolgerà a Palazzo dei Normanni. Cinque i momenti focali dell’evento, divisi fra il palazzo storico che ospita l’Ars, la Cattedrale, i Quattro Canti, Porta Felice e il Foro Italico, luogo che ospiterà i tradizionali giochi d’artificio a partire dalle 24. Focus particolare è stato dato al carro, anzi ai carri. Saranno due infatti le strutture che sfileranno sul Cassaro la sera del 14 luglio. Tre gli elementi ispiratori: l’oro, ovvero il tocco barocco; il Giglio, simbolo di speranza identificato dalla barca che trasporterà la statura della Santuzza; ed infine la Rosa, chiaro richiamo a Rosalia. A supportare il carro principale ci sarà una struttura supplementare, dotata di un’impalcatura sopraelevata necessaria a garantire una perfetta visione a tutto il pubblico presente. Non mancheranno i momenti da “social media”. Balich ha parlato di un momento che riguarderà la statua della Santuzza, la quale sarà posizionata in un modo particolare durante la sfilata verso Porta Felice.

Il carro principale “muterà forma” durante l’evento. Inizialmente, la struttura partirà velata da Palazzo dei Normanni, per poi essere svelata alla Cattedrale. Poi, ai Quattro Canti, la statua della Santuzza sarà incoronata dal sindaco e successivamente procederà verso Porta Felice fra giochi di luci e musica a tema. Tanti gli artisti coinvolti. Avvolto ancora dal mistero il nome “big” che canterà al passaggio dei Quattro Canti, anche se i rumors parlano di un gruppo di tre artisti di fama nazionale. Nome o nomi a cui si affiancheranno Maurizio Bologna, Salvo Piparo (che si esiberà su una piattaforma montata a Porta Felice), Alessandra Ponente, Giovanni Parrinello, il Dj Popshock. A questi si uniranno la cantoria del teatro Massimo. E’ prevista inoltre l’esibizione di un nome di caratura nazionale, anche se le ultime parlano non di un solista ma di un gruppo di artisti. Lo spettacolo sarà di tipo itinerante, con esibizioni ripetute durante i vari passaggi su corso Vittorio Emanuele.

Balich: “Sarà un Festino intenso”

Uno dei segreti del nostro lavoro è lasciare la sorpresa – commenta il direttore artistico Marco Balich -. Tutti sanno il protocollo. Noi con la nostra esperienza abbiamo cercato di portare il nostro contributo in termini di spettacolo. Sono molto onorato di aver messo la nostra esperienza a disposizione. Aspettiamo il responso della cittadinanza. Ma sicuramente abbiamo messo molto impegno per fare una nuova statua, un corteo molto importante con tante figure creative di questa città. Il Festino di Santa Rosalia è un magnifico esempio di una delle feste più importanti che l’Italia può portare al Mondo, al pari del Palio di Siena e la Festa del Redentore di Venezia. Sono feste molto sentite. Bisogna avvicinarle con rispetto e umiltà, ma senza aver paura di introdurre elementi di novità“. Alla domanda su come sarà il Festino, Balich ha riassunto tutto in un’unica parola: “intenso“.

Particolare attenzione alla sicurezza

Particolare attenzione è stata data all’organizzazione della sicurezza. La task force destinata al Festino sta lavorando da settimane per curare più dettagli possibili. Fatto di cui ha parlato il sindaco Roberto Lagalla. “Sono state approntate tutte le collaborazioni possibili, a partire dal Comitato di Ordine e Sicurezza al Prefetto. Per quanto ci riguarda, abbiamo attivato le risorse della Protezione Civile Comunale che supporteranno il servizio d’ordine. L’organizzazione di Marco Balich è garanzia di responsabilità e cura. A piazza Politeama sarà inoltre installato un maxischermo per garantire la visione dell’evento“.

Il 400° Festino: lente d’ingrandimento su Amat e Rap

La lente d’ingrandimento sarà puntata sulle società Partecipate, in particolare su Amat e Rap. Con riguardo alla prima, la stessa sta vivendo un momento non proprio facile vista la carenza di mezzi. La seconda invece fatica ancora a garantire un servizio di raccolta rifiuti efficienti, in particolare sul fronte delle periferie. Fatto su cui il primo cittadino vuole la massima attenzione. “Rap avrà un ruolo fondamentale, quello di restituire la città pulita ai palermitani, mentre Amat dovrà trasportare i palermitani durante l’evento. Conto che lo faranno con senso di responsabilità“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.