Condividi

Vaccini, Gimbe: Non ci sono i numeri per 500mila dosi entro il 15″

lunedì 12 Aprile 2021

Al momento i numeri non vanno nella direzione delle 500mila vaccinazioni al giorno entro il 15 aprile. A dirlo è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus. Cartabellotta fa un bilancio del primo trimestre 2021 e precisa come le consegne “di fatto” siano “state chiuse ufficialmente domenica 4 aprile” con il “90% dei vaccini previsti nell’ultima versione del piano vaccinale che erano 15,7 milioni” e che ha portato a un arrivo di 14 milioni di dosi.

“La prima versione del piano ne prevedeva 28,3 milioni“. Cartabellotta parla poi di un “collo di bottiglia” che è “quello delle somministrazioni che vanno un po’ in ordine sparso a seconda delle Regioni“. Se ne “prevedevano 300mila entro il 23 marzo”, ma “solo la scorsa settimana abbiamo raggiunto 300mila e solo in alcuni giorni” visto che “c’è sempre un crollo la domenica” e che “servirebbe altro personale”. “Riguardo alle 500mila somministrazioni al giorno entro il 15 aprile, al momento i numeri non ci sono – aggiunge -. La prima determinante sono le consegne, adesso vediamo come si metteranno in questo mese di aprile, sappiamo che quelle di Johnson&Johnsonarriveranno” con “meno dosi rispetto a quelle previste. Curevac non ha ancora completato lo studio di fase 3 ed effettuato la domanda di approvazione all’Ema. Abbiamo richiesto un calendario pubblico delle consegne, perché al momento abbiamo solo la quantità di vaccini prevista in un arco trimestrale“.

Il presidente della Fondazione Gimbe su Astrazeneca ha commentato: “Dopo l’ultima revisione di Ema, credo si stia diffondendo una diffidenza ulteriore nei confronti di questo vaccino, soprattutto per i cambi di età, prima era per giovani, ora per anziani. Gli studi sul campo hanno dimostrato che Astrazeneca va molto bene anche per gli anziani, nel frattempo è emerso che questi rari episodi trombotici riguardano soggetti al di sotto dei 70 anni. Bisogna abituarsi, anche dal punto di vista della comunicazione pubblica, a spiegare gli elementi che condizionano questi cambi di rotta che sono frutto di una valutazione sul campo del vaccino“.

Abbiamo un’enorme quantità di popolazione che difficilmente potrà essere vaccinata entro l’estate, quindi dovremo continuare a tenere le mascherine. La priorità è rallentare il flusso di pazienti in ospedale che può permetterci di allentare le misure restrittive“.

Da una decina di giorni si intravede l’appiattimento e l’inizio della discesa della curva dei ricoveri e delle terapie intensive, ma i numeri sono ancora alti e la discesa sarà molto lenta – spiega Cartabellotta -. In questo momento la copertura vaccinale degli over 80 è a buon punto, ma non quella degli ultrasettantenni, che è la fascia che rispetto alle ospedalizzazioni paga il prezzo più elevato, mentre quella degli over 80 la paga rispetto ai decessi”. “Questa attenzione – aggiunge – serve a ridurre l’impatto sugli ospedali”.

In Sicilia la percentuale di popolazione che ha ricevuto la prima dose del vaccino è del 7,4% rispetto alla media nazionale dell’8,7%. La popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è del 6,1% contro la media nazionale del 6,6%. I dati, aggiornati a questa mattina, sono elaborati dalla Fondazione Gimbe di Bologna. La percentuale di popolazione anziana di età superiore a 80 anni che ha completato il ciclo vaccinale è del 35%, mentre quella che ha ricevuto una sola dose è del 16,2%.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, scuole, riscaldamenti e pulizia: dai minisindaci le segnalazioni alla II circoscrizione CLICCA PER IL VIDEO

Fotografare lo stato di salute delle scuole elementari della II circoscrizione di Palermo attraverso lo sguardo attento degli stessi alunni. E, allo stesso tempo, avvicinare i più piccoli alla politica, spiegando come funziona la macchina amministrativa.

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.