Condividi

Cultura: prorogato il termine del bando “Workshop Villa Deliella 1959-2019”

giovedì 19 Settembre 2019

È stata prorogata al 27 settembre la scadenza del bando per la partecipazione al “Workshop Villa Deliella 1959-2019”, apertura dell’evento internazionale finanziato dalla Regione Siciliana (Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana) che a fine novembre a Palermo, mettendo insieme l’approccio multidisciplinare di giovani laureati e professionisti e la visione di esperti di fama mondiale, traccerà le linee guida per il successivo concorso di progettazione del museo del liberty, da realizzare in piazza Crispi, dove fino a sessanta anni fa sorgeva villa Deliella, opera di Ernesto Basile.

Il Workshop consisterà in quattro giornate di studio e laboratori (25-28 novembre nell’ex convento della Magione) per la stesura di elaborati grafici e sarà seguito da un convegno di due giorni (29-30 novembre) al quale, dopo la presentazione dei risultati del lavoro, interverranno esponenti di prestigiosi studi di progettazione.

Ci sono dunque ancora otto giorni di tempo per rispondere al bando pubblicato per selezionare i partecipanti al workshop. La nuova scadenza è fissata al 27 settembre e le istanze vanno inviate entro e non oltre la mezzanotte, esclusivamente per posta elettronica certificata, a ordine.palermo@ingpec.eu, indirizzo e-mail dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo che, in virtù di un protocollo d’intesa, organizza la manifestazione insieme con il Dipartimento regionale Beni culturali e Identità siciliana e in collaborazione con il Comune di Palermo, la Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Palermo, l’Università degli Studi di Palermo, l’Ordine degli Architetti della provincia di Palermo e l’Ordine dei Giornalisti di Sicilia.

Il “Workshop Villa Deliella 1959-2019” vuole essere un momento di riflessione, sensibilizzazione e indirizzo sui temi del paesaggio urbano e dell’architettura pubblica con specifica destinazione espositiva e museale, ma anche sui caratteri della città sviluppatasi tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento.

I riferimenti sono via della Libertà, le piazze Crispi e Mordini, il Giardino Inglese e l’annesso Conservatorio delle Croci, la villa Gallidoro, villa Trabia e l’insieme degli edifici che caratterizzano questa zona di Palermo. Il lavoro all’interno del workshop punterà a un’esplorazione multidisciplinare sulla storia, sugli assetti attuali, sugli usi futuri, sull’architettura pubblica urbana e sui concetti di conservazione e comunicazione come elementi fondamentali del percorso espositivo.

L’iniziativa si articolerà in momenti di laboratorio e di discussione ma anche in visite e sopralluoghi sull’area oggetto di studio, il tutto da tradurre in elaborati grafici che saranno presentati durante il convegno. Saranno formati 6 gruppi di lavoro, ognuno composto da 5 partecipanti seguiti da uno o più tutor. Tutte le attività saranno coordinate da 3 supervisori.

Il workshop è rivolto a 30 giovani laureati e/o professionisti che alla data dell’1 novembre 2019 non abbiano compiuto i 40 anni, in possesso di diploma di laurea magistrale in Architettura, in Ingegneria classi 4/S, 28/S, 38/S (ovvero titolo equiparato ai sensi del Decreto Interministeriale 09/07/2009 G.U. n. 233/2009), Scienze della Comunicazione o titoli analoghi di altre nazioni, interessati a un lavoro interdisciplinare di gruppo e che possibilmente abbiano già maturato, nel corso degli studi universitari o in ambito professionale, esperienza nel settore delle ricerche e dei progetti di architettura di edifici pubblici in ambito urbano, musealizzazione o aspetti della comunicazione culturale.

È richiesta la conoscenza della lingua italiana scritta e parlata. I partecipanti saranno selezionati sulla base del curriculum e della domanda di ammissione, da predisporre esclusivamente compilando il modello allegato al bando. Il comitato scientifico preposto alla valutazione è formato dai vertici degli enti coinvolti nell’organizzazione. Nel BANDO ulteriori informazioni, anche relative all’inquadramento storico e urbanistico.

Il convegno conclusivo (sede da stabilire) si svolgerà il 29 e il 30 novembre. Cinque i grandi nomi di architetti e studi di progettazione che prenderanno parte al dibattito portando come contributo importanti esperienze internazionali: Zaha Hadid Architects, Francesco Cellini, Mario Cucinella Architects, Francisco Mangado e Gianluca Peluffo & Partners.

La destinazione museale dell’area su cui sorgeva villa Deliella è stabilita dai vigenti strumenti urbanistici. Il futuro concorso di progettazione, che si baserà sulle linee guida fornite dal workshop, avrà l’obiettivo di assicurare soluzioni progettuali idonee a valorizzare l’area inquadrandola nel sistema del liberty a Palermo e in Sicilia, dei giardini storici e nel più ampio progetto di promozione del turismo culturale, anche in relazione alla politica di mobilità sostenibile intrapresa dal Comune.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.