Condividi

Diedero 500 mila euro in più a familiari di un paziente deceduto: condannati due ex vertici dell’Asp

lunedì 1 Febbraio 2021

Hanno risarcito con quasi mezzo milione di euro in più i familiari di un paziente morto all’Asp di Pantelleria (Tp). Per questo i giudici della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti della Sicilia presieduta da Giuseppa Maneggio (Gioacchino Alessandro relatore e Francesco Cancilla giudice) hanno condannato Michele De Maria, ex primo dirigente avvocato responsabile dell’ufficio affari legali e contenzioso dell’Asp di Trapani quale responsabile del procedimento e Fabrizio De Nicola, allora ex direttore generale dell’Asp a risarcire l’azienda sanitaria di circa 330 mila euro: 207 mila euro De Maria e De Nicola di 129 mila euro.

L’Asp era stata condannata dal Tribunale civile di Marsala in primo grado a risarcire 482 mila euro alla famiglia di un paziente morto durante un ricovero nel presidio ospedaliero di Pantelleria nel 2007. La corte d’Appello di Palermo aveva aumentato il risarcimento portandolo a un milione e 200 mila euro. Secondo quanto contestato dalla procura contabile diretta da Gianluca Albo i due vertici dell’Asp avrebbero risarcito i familiari con l’intera somma di un milione e 200 mila euro senza defalcare quanto già versato in primo grado. Un surplus calcolato di oltre 500 mila euro mila euro che ha portato i due sotto processo davanti ai giudici contabili.

Secondo la procura, la duplicazione del pagamento non può che essere frutto di un radicale disinteresse verso il corretto utilizzo del denaro pubblico – si legge nella sentenza – attesa la conoscenza dei pagamenti già eseguiti in favore dei congiunti della paziente defunta in esecuzione della sentenza di primo grado”.

Secondo i giudici i due dirigenti dell’Asp De Maria e De Nicola “abbiamo avuto parte nel causare il danno – si legge nella sentenza – con le rispettive condotte, per aver trascurato con inescusabile negligenza ciascuno nell’ambito dell’esercizio delle proprie competenze – ossia De Maria nel proporre senza avere debitamente governato l’istruttoria e De Nicola nell’assumere il provvedimento di liquidazione della somma riconosciuta dalla Corte d’Appello a favore degli aventi diritto del paziente deceduto. Il dirigente avvocato pagherà il 40% del danno quantificato in 518 mila euro, mentre il direttore generale il 25%. La parte restante è addebitabile ad altri soggetti che non sono stati chiamati in giudizio”

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Sexting e revenge porn, Butera: “Si comincia già a 10 anni” CLICCA PER IL VIDEO

“Si comincia a dieci anni”. È questa la cosa che ha sconvolto anche sociologi e psicologi quando hanno scoperto che alunni appena usciti dalle elementari erano già entrati nel mondo del “sexting” e del “revenge porn”.

BarSicilia

Bar Sicilia, Bandiera: “A Siracusa quest’anno sfioreremo il milione di presenze”

Maria Calabrese e Maurizio Scaglione “in trasferta” a Siracusa intervistano il vicesindaco Edy Bandiera

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.