Condividi

Inchiesta a Cinque Stelle, sta per iniziare la settimana di passione dei “grillini”

sabato 19 Novembre 2016

AGGIORNAMENTO 15.48 – Gli otto grillini iscritti dalla Procura di Palermo sul registro degli indagati sono Riccardo Nuti, Claudia Mannino, Claudia La Rocca, Giorgio Ciaccio, Giuseppe Ippolito , Stefano Paradiso, Samantha Busalacchi, Giovanni Scarpello. Secondo il codice del movimento guidato da Beppe Grillo, i deputati indagati dovrebbe avviare le procedure di auto-sospensione. Un primo passo in questo senso sarebbe stato compiuto da Claudia La Rocca e da Giorgio Ciaccio.

07.30 – Beppe Grillo un mese fa aveva scritto nel suo blog: “Chi sa parli”. Poi il silenzio assoluto, mentre le polemiche aumentavano di giorno in giorno e i pm della Procura di Palermo cominciavano a mettere insieme il puzzle grazie alla collaborazione di due attivisti e della deputata regionale del M5s, Claudia La Rocca. In quei giorni, dinanzi ai magistrati, i grillini ammettevano la ricopiatura delle firme utili alla presentazione della lista per le Amministrative 2012 fa per rimediare ad un errore di trascrizione. Inoltre, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, non si tratterebbe soltanto di una mera ricopiatura di firma. In alcuni casi, testimoni interrogati dai magistrati palermitani e dalla Digos, avrebbero disconosciuto del tutto la loro firma, che non sarebbe stata quindi soltanto “ricopiata”.

Ora il capo politico prova a forzare la mano con un post sul suo blog. Una reazione che fa seguito alle rivelazioni sulle informazioni ricevute da Palermo riguardo l’episodio delle presunte firme false, prima che la Procura sentisse i supertestimoni. Nel post Grillo ha invitato i pentastellati a sospendersi qualora dovessero ricevere un avviso di garanzia. Una scelta che dovrebbe tutelare il Movimento e gli iscritti. L’accelerazione coincide con alcune informazioni trapelate dalla Procura: da lunedì i magistrati convocheranno gli indagati.

Si parla di otto grillini ma potrebbero essere di più, tra di loro anche parlamentari nazionali. Nella denuncia raccolta da le Iene, l’attivista Vincenzo Pintagro aveva puntato il dito contro la deputata nazionale Claudia Mannino e Samantha Busalacchi, accusate di avere ricopiato le firme durante una febbrile riunione della sede di via Sampolo, allora quartier generale del M5s a Palermo. Al diktat di Grillo ha risposto in tempo reale Claudia La Rocca, che si è auto-sospesa. In realtà secondo quanto risulta a ilSicilia.it, la deputata aveva inviato una mail nei giorni scorsi allo staff di Grillo scrivendo di essere disposta ad auto-sospendersi e di attendere indicazioni. Ma da Milano non è arrivata alcuna risposta, con la deputata sempre più isolata dai vertici dopo la sua scelta di collaborare con i magistrati. L’hashtag che corre su twitter è #omertà”.

(AM)

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.