Condividi
Le indagini

Mafia: bancarotta e riciclaggio per favorire il clan, dieci misure cautelari nel Catanese

martedì 2 Luglio 2024

I finanzieri del comando provinciale di Catania e dello Scico e del Primo gruppo hanno arrestato dieci persone, quattro sono state condotte in carcere e sei poste ai domiciliari. Eseguito anche un sequestro beni da 1.250.000 euro.

Una prima indagine del Nucleo di Pef di Catania e dalla compagnia di Acireale si era concentrata sulla dichiarazione di fallimento del dicembre 2018 della società Dosian srl di Pedara, azienda per installazione e manutenzione per impianti telefonici con misure reali nei confronti di alcuni degli odierni indagati: Antonio Alfio Messina, Silvestro ‘Silvio’ Zingale e Antonino ‘Nino’ Zingale, amministratori di fatto e di diritto della società. Erano accusati di avere distratto il compendio aziendale della fallita a beneficio della Catania impianti srl di Trecastagni, poi a sua volta fallita su richiesta dell’amministratore giudiziario, che avrebbero ‘svuotato’ dirottando i contratti del settore in altre due realtà imprenditoriali: la Af impianti srl di Mascalucia, socio unico Santo Finocchiaro, figlio di una sorella del boss Turi Pillera, e la ditta individuale Telenet di Misterbianco, che secondo l’accusa sarebbe riconducibile alla medesima compagine gestionale del gruppo Zingale.

Secondo la Procura che ha coordinato le indagini con l’aggiunto Ignazio Fonzo e i sostituti Fabio Saponara e Assunta Musella, il ‘giro’ di società al centro delle indagini operanti nel settore delle telecomunicazioni in sub-appalto sarebbero “risultate riconducibili a persone legate da vincoli di sangue e di solidarietà criminale al clan mafioso ‘PIllera-Puntina’ e sarebbero state inoltre “utilizzate alla stregua di strumenti di riciclaggio per immettervi i beni e i proventi oggetto di distrazione a danno delle società poi fallite”. Un collaboratore di giustizia, già esponente di spicco del clan, avrebbe “confermato la strettissima correlazione esistente tra le diverse compagini societarie susseguitesi negli affidamenti e il disegno criminoso volto al fraudolento svuotamento del pacchetto dei contratti e dei lavori dalle fallite alle altre imprese riconducibili al sodalizio”. Il nuovo provvedimento del gip Simona Ragazzi dispone la custodia cautelare in carcere per Antonio Alfio Messina, Antonino Zingale, Silvestro Zingale e Santo Finocchiaro e gli arresti domiciliari per altri sei indagati e il sequestro preventivo, per equivalente, di 1.250.000 euro, corrispondente al valore stimato dei lavori sottratti alla Catania impianti.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.