Condividi

Mafia. Brusca rivela: “Volevamo rapire l’editore del Giornale di Sicilia”

martedì 13 Novembre 2018

Cosa nostra a Palermoaveva pensato di sequestrare Ardizzone“, allora editore del Giornale di Sicilia, “a scopo di estorsione“, ma poi il progetto non fu realizzato. Lo ha affermato il pentito Giovanni Brusca, in video conferenza col Tribunale di Catania, sollecitato dal Pm Antonino Fanara nell’udienza del processo per concorso esterno all’associazione mafiosa all’editore Mario Ciancio Sanfilippo.

Del piano aveva già parlato il pentito Gaspare Spatuzza, che lo aveva collocato temporalmente “dopo le stragi del 1992 e del 1993“. Brusca, rispondendo alle domande del magistrato, che in Aula ha rappresentato l’accusa assieme al Pm Agata Santonocito, ha detto anche che “c’era un ‘articolista’ del giornale che scriveva pezzi a favore dei cugini Salvo“.

Il pentito ha poi parlato dei rapporti “dei cavalieri del lavoro Costanzo” con Cosa nostra perché “erano interessati agli appalti pubblici a Palermo“. Tra questo ha citato la realizzazione del Palazzetto dello sport per il quale “ci fu un incontro a Palermo tra il cavaliere Costanzo, i cugini Salvo e Totò Riina“.

Lui non partecipò alla riunione, limitandosi “ad accompagnare” il ‘capo dei capi’. Alla domanda se il Palazzetto dello Sport e il Palazzo di vetro fossero la stessa cosa, ha risposto di non saperlo. Ha confermato il ruolo di Angelo Siino come “delegato di Cosa nostra per gli appalti” e di sapere chi fosse il medico Mercadante, che, ha detto, “era a disposizione“, ma di “non averlo conosciuto“.

A conclusione dell’udienza l’accusa ha depositato agli atti del processo il decreto di sequestro e confisca dei beni di Mario Ciancio Sanfilippo e il dispositivo d’appello della difesa, presentato dagli avvocati Carmelo Peluso, Francesco Colotti e Nerio Giuseppe Diodà.

Il processo è stato aggiornato al prossimo 15 gennaio con l’audizione dei pentiti Gaetano D’Aquino e Santo La Causa, che non sono stati sentiti oggi per problemi nei collegamenti della videoconferenza.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.