Condividi

Obbligavano i dipendenti a restituire parte dello stipendio: arrestati 4 imprenditori nel Messinese

giovedì 21 Luglio 2022

Il Tribunale di Messina su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha previsto la custodia cautelare per quattro soggetti appartenenti a una nota famiglia di un imprenditoria messinese della fascia jonica peloritana, in seguito alle indagini condotte dai  Finanzieri del Comando Provinciale di Messina.
Il provvedimento si basa sull’accusa di costituito una strutturata organizzazione criminale, dedita alla commissione di condotte estorsive ai danni dei propri dipendenti.

Le indagini svolte dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Taormina, si sono basate sulle dichiarativo dei lavoratori vessati, i quali mensilmente venivano obbligati alla restituzione – in contanti – di parte dello stipendio, approfittando del loro stato di bisogno. Inoltre, venivano costretti a lavorare oltre il normale orario lavorativo.

In seguito ad un approfondito esame della documentazione extracontabile rinvenuta – tra cui diversi inequivoci “pizzini”, agende e prospetti di calcolo – e di intercettazioni telefoniche, che hanno chiarito come gli imprenditori avessero fatto del “Ricorso a minacce e soprusi” nei confronti dei lavoratori dipendenti, “Un vero e proprio metodo di lavoro”, permettendo alle Fiamme Gialle di ipotizzare l’esistenza di una vera e propria organizzata struttura.

Inoltre dalle indagini è stato riscontrato che il presupposto imprescindibile per l’avvio e la prosecuzione dei rapporti lavorativi risultava essere proprio l’accettazione, da parte dei dipendenti, di condizioni contrattuali palesemente squilibrate, “Lasciando chiaramente intendere che ove non avessero accettato la proposta non sarebbero stati assunti o sarebbero stati licenziati”.

Lo stesso Giudice del Tribunale di Messina ha sottolineare come si trattasse di “Un modus operandi consolidato, volto ad estorcere sistematicamente denaro ai lavoratori assunti e a imporre loro condizioni inique di lavoro al fine di conseguire ingiusti profitti economici, avvalendosi del potere di prevaricazione derivante dalle condizioni di difficoltà economica in cui versavano le persone offese; potere esercitato mediante minaccia, di volta in volta esplicita o velata, di licenziamento”.

Inoltre, il denaro estorto ai dipendenti, pari a circa 200.000 euro oggi sottoposti a sequestro, veniva impiegato nell’acquisto di terreni, operazione finalizzata al riciclaggio del suddetto denaro.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.