Condividi
L'udienza

Processo Borsellino, pg Bonaccorso: “Sul conto di La Barbera versati tantissimi soldi”

martedì 27 Febbraio 2024
Tribunale di Caltanissetta

“Oggi farò una discovery parziale e dò avviso del deposito di nuovi documenti ed esiti investigativi riguardo, in particolare, a della documentazione bancaria relativa al conto intestato all’ex capo della Squadra Mobile di Palermo, Arnaldo La Barbera, accertamenti della guardia di finanza, di atti investigativi a firma di Arnaldo La Barbera relativi all’omicidio Agostino, nonché della sentenza non definitiva emessa nel giudizio relativo all’omicidio Agostino a carico di Antonino Madonia”. Lo ha detto il procuratore generale Maurizio Bonaccorso all’inizio dell’udienza di questo pomeriggio del processo sul depistaggio delle indagini sulla strage di via D’Amelio che si celebra a Caltanissetta.

Nel processo, che si celebra dinanzi alla Corte d’Appello, presieduta da Giovanbattista Tona, sono imputati tre poliziotti del gruppo di indagine “Falcone-Borsellino”, guidato da Arnaldo La Barbera – Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo – accusati di calunnia aggravata dall’aver favorito Cosa Nostra per avere, secondo l’accusa, indotto il pentito Vincenzo Scarantino a fare false dichiarazioni.

Arnaldo La Barbera

Arnaldo La Barbera, poliziotto a capo del gruppo di indagine Falcone Borsellino, avrebbe versato moltissimi soldi sul suo conto corrente negli anni che vanno dal ’90 al ’92. Soldi che non sarebbe stato possibile guadagnare con il suo stipendio di funzionario di polizia. E’ quanto ha riferito il procuratore generale Maurizio Bonaccorso nel corso dell’udienza sul depistaggio delle indagini sulla strage di via D’Amelio che si celebra in Appello a Caltanissetta.

Il procuratore generale ha annunciato il deposito di nuovi atti e documentazione. “Si tratta in particolareha detto Bonaccorsodi documentazione bancaria rinvenuta il 18 settembre 2023, il giorno in cui è stata eseguita la perquisizione nell’abitazione della signora Valentini, ex moglie di Arnaldo La Barbera. Documentazione che riguarda gli anni ’90, ’91 e ’92. Si tratta di estratti conto e matrici di assegni”.

Sembrerà strano – ha aggiunto il procuratore generale – ma non è stato possibile attraverso la polizia di stato accertare quale fosse il reddito percepito da La Barbera dal ’90 al ’92. Abbiamo i dati sul reddito solo a partire del ’93. Da quello che è emerso il tenore di vita del dottore La Barbera era molto superiore a quello che è il tenore di vita di un famiglia media italiana ma a quell’epoca La Barbera era l’unico a percepire un reddito nella sua famiglia. Ebbene sono stati accertati dei versamenti di contante. Nel ’90 un versamento di 8 milioni delle vecchie lire, nel ’91 uno di 8 milioni e uno di oltre 10 milioni. L’anomalia si comincia a registrare nel ’92. A marzo 5 milioni, ad aprile 12 milioni, a maggio 3 milioni, a luglio 11 milioni, ad agosto 15 milioni, a settembre 5,4 milioni, a novembre 5 milioni, a dicembre 11 milioni. Dati allarmanti perché, a fronte di un reddito sui 4 milioni, ci sono dei versamenti nel ’92 che non appaiono giustificati soprattutto nelle modalità, che sono alquanto sospette. L’analisi fatta dalla Gdf evidenzia per questo periodo una sperequazione, rispetto al reddito, di 97 milioni delle vecchie lire. Che all’epoca era sicuramente una cifra non indifferente”.

Nel frattempo ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere il poliziotto Maurizio Zerilli, sentito oggi, dinanzi alla Corte d’appello di Caltanissetta, come imputato di reato connesso. Zerilli è accusato di aver testimoniato il falso, in qualità di teste, nel corso del primo grado del procedimento. Il prossimo 21 marzo comparirà insieme ad altri tre poliziotti (Vincenzo Maniscaldi, Angelo Tedesco e Giuseppe Di Gangi) dinanzi al gip del tribunale di Caltanissetta per l’udienza preliminare. Oggi pomeriggio doveva essere sentito dalla Corte d’appello di Caltanissetta in merito alle relazioni redatte sui sopralluoghi effettuati nel giugno del 1994 con il falso pentito Vincenzo Scarantino.

Nino Agostino e Ida Castelluccio

Tra gli atti che il procuratore generale Maurizio Bonaccorso ha depositato oggi nel corso del processo sul depistaggio della strage di Via D’Amelio che si celebra in appello a Caltanissetta, figura anche un rapporto giudiziario sull’omicidio di Nino Agostino.

Si tratta di un’informativa del 27 settembre dell’89, un atto sottoscritto dall’allora capo della squadra mobile Arnaldo La Barbera, in cui le indagini vengono indirizzate sulla pista passionale, legata a una relazione interrotta, nonostante le modalità dell’omicidio che facevano pensare a una modalità mafiosa. “Allego anche – ha detto il Pg – due relazioni, di cui una più importante, in cui un agente di polizia aveva saputo che Agostino si stava occupando della caccia a un latitante. Depositiamo anche una sentenza di condanna nei confronti di Nino Madonia proprio sull’omicidio di Agostino”.

Il poliziotto Nino Agostino e sua moglie Ida Castelluccio furono uccisi il 5 agosto 1989 in una villetta sul lungomare di Villagrazia di Carini. Nel processo sono indagati tre poliziotti, Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, che facevano parte del gruppo di indagine Falcone-Borsellino con a capo Arnaldo La Barbera.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.