Condividi

Salute, Barbara Cittadini (Aiop): “I siciliani rinunciano alle cure specialistiche”

giovedì 17 Maggio 2018
ospedale-tilt-corsia

“La gente rinuncia a curarsi. Non parlo di prestazioni salvavita ma, per esempio, di prestazioni specialistiche chirurgiche. Tutta la domanda inespressa diventa però nel medio-lungo periodo un costo sociale elevatissimo”. A dirlo, nel corso di un forum all’Agenzia Italpress, la presidente di Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) Sicilia, Barbara Cittadini.

“Ci sono delle patologie per le quali la Sicilia, rispetto ad altre regioni d’Italia, ancora non riesce a garantire un’adeguata risposta assistenziale – aggiunge -. Scontiamo, inoltre, un grave problema che deve trovare una soluzione in tempi rapidi se non si vuole rischiare di consegnare agli italiani un sistema sanitario non adeguato a quello dei paesi della comunità europea. E’ vigente una norma che inibisce la crescita sine die delle strutture private accreditate. E’ comprensibile che, in momenti di emergenza, debbano essere adottate delle misure emergenziali, ma se i provvedimenti emergenziali diventano strutturali, indiscutibilmente, deprimono un sistema dal punto di vista quali-quantitativo. Chi ha la responsabilità delle scelte a livello nazionale non può consentire che una cattiva norma non venga riscritta e chi le ha a livello regionale deve chiedere e ottenere che, avendo razionalizzato la spesa e diminuito il deficit, dopo dieci anni di sacrifici gli sia consentito di rimettere risorse nel sistema per non condannarlo a un ineluttabile processo involutivo”. 

Con il Governo regionale e l’assessore alla Salute, Ruggero Razza, “il rapporto è ottimo. Anche in passato abbiamo sempre cercato di interloquire con la ragionevolezza delle nostre idee e la forza dei nostri numeri. Siamo sempre stati ascoltati e tenuti in considerazione perchè abbiamo avuto un approccio leale e corretto. Anche con questo Governo – dice ancora Barbara Cittadini, candidata alle elezioni per la presidenza nazionale dell’Associazione, in programma il 26 maggio a Roma – il confronto è sereno, di virtuosa sinergia rispetto a degli obiettivi condivisi. Del resto, ci occupiamo di un diritto costituzionale, che e’ quello alla salute. Abbiamo il dovere di trovare delle convergenze con un unico obiettivo, tutelare gli interessi e i bisogni reali dei siciliani”. 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.