Condividi

Ucciso con una fucilata al petto, condannati all’ergastolo i fratelli Gatto

venerdì 24 Marzo 2017

Sono stati condannati all’ergastolo i fratelli Francesco e Vincenzo Gatto accusati di avere ucciso Enrico Coraci a sangue freddo con un colpo di fucile nel novembre 2015 ad Alcamo, nel trapanese. Il processo si è svolto con il rito abbreviato dinanzi al gup del tribunale di Trapani, Caterina Brignone. Secondo le ricostruzioni l’omicidio sarebbe sorto in seguito a un diverbio avvenuto dinanzi a una panineria. A poche ore di distanza dall’episodio i due fratelli avrebbero raggiunto Coraci colpendolo al torace con un fucile calibro 12 in via Ruisi.

L’uomo morì dopo essere stato ricoverato per due giorni in terapia intensiva all’ospedale Cervello di Palermo. L’arma venne poi nascosta e ritrovata dai carabinieri che hanno ricondotto l’omicidio a un regolamento di conti legato al commercio di stupefacenti. A premere il grilletto sarebbe stato Francesco Gatto, di 30 anni, che durante il processo si è autoaccusato dell’omicidio ma secondo le indagini il fratello Vincenzo, di 23 anni, era consapevole del piano di morte.

La vittima era nipote di Vito Coraci, boss mafioso originario di Alcamo coinvolto nel sequestro del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio dell’ex mafioso e collaboratore di giustizia Santino. I due fratelli erano già noti per episodi legati allo spaccio di stupefacenti. Per i due il pm Rossana Penna aveva inizialmente chiesto la condanna a 30 anni di reclusione, salvo poi riformulare la richiesta con l’ergastolo. Il giudice ha riconosciuto una provvisionale alle parti civili: 50 mila euro al padre della vittima, 100 mila euro alle due sorelle e 150 mila alla madre. La sentenza verrà depositata entro 90 giorni.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.