Condividi

Ad Agrigento la presentazione del nuovo libro di Antonio Bacarella: al centro dell’opera agricoltura, etica e ambiente

giovedì 16 Dicembre 2021

Il tema è l’occasione giusta per fare conoscere al pubblico l’ultima opera di Antonio Bacarella, già docente di Economia e politica agraria all’Università degli studi di Palermo: un testo che rappresenta la sintesi di 55 anni, una vita, dedicata con passione e grande impegno scientifico, allo studio dell’agricoltura siciliana.

Il libro “Storia moderna dell’agricoltura siciliana: dall’anteguerra i giorni nostri” sarà presentato dai docenti universitari di Unipa Pietro Columba e Alessandro Hoffmann, docenti di Economia e di Politica Agraria. La Storia moderna dell’agricoltura siciliana di Antonino Bacarella, pubblicata dalle Edizioni La Zisa, è composto da due volumi, per un totale di 1.115 pagine. Un impressionante lavoro di studio, ricerca ed elaborazione dei dati condensato in 245 tabelle, in una alta presenza di prospetti e in una interminabile bibliografia.

Il professor Bacarella lascia intravedere nella narrazione, nello studio e nell’analisi dell’agricoltura siciliana, come la carenza di scuola, università, ricerca, trasferimento tecnologico, assistenza tecnica siano la chiave per comprendere i limiti, in Sicilia, di un’agricoltura importante che potrebbe essere – invece – importantissima. Una visione che coincide proprio con quella del Santo Padre che, in un recente messaggio alla FAO, ha messo al primo punto quello di “rivedere il sistema di istruzione per renderlo più rispondente al settore agricolo e, quindi, per integrare i giovani al mercato del lavoro”. Soltanto così l’agricoltura del futuro sarà etica, consapevole e guarderà al mondo con ottimismo e fiducia.

L’evento di sabato 18 dicembre, organizzato dall’Associazione Mediterranea Solidale di Porto Empedocle, rappresenta quindi anche un focus su agricoltura e impatto ambientale in Sicilia, prendendo spunto dall’enciclica papale “Laudato si” di Papa Francesco in cui il Santo Padre fa “un invito urgente a rinnovare il dialogo sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta. Abbiamo bisogno di un confronto che ci unisca tutti, perché la sfida ambientale che viviamo, e le sue radici umane, ci riguardano e ci toccano tutti”.

Oltre alle autorità di Agrigento (il sindaco Francesco Miccichè, il direttore del Parco Archeologico Roberto Sciarratta, il presidente del Consorzio Universitario Nenè Mangiacavallo, l’assessore regionale Marco Zambuto), porteranno il loro saluto: Luigi Fiore (presidente Associazione Mediterranea Solidale) sul tema etico dell’enciclica papale “Laudato si” ; Giuseppe La Rocca (Fondazione comunitaria Agrigento e Trapani) su “Ridurre le diseguaglianze attraverso il cibo e le filiere agricole”; Luigi Vella (Ispettorato provinciale agricoltura AG) su “Sistemi agricoli e benefici ambientali nel contesto dell’attuazione della programmazione PSR Sicilia”; Dario Cartabellotta (dirigente generale Dipartimento Agricoltura Regione siciliana) su “Sostenibilità e innovazione per il miglioramento delle condizioni economiche, sociali e ambientali in agricoltura”.

Previsti anche gli interventi di: Maria Giovanna Mangione (presidentessa ordine dei dottori Agronomi e Forestali di AG), Piero Lo Nigro (presidente ordine dei dottori Agronomi e Forestali di Sicilia), Alessandro Vita (Confagricoltura AG), Ignazio Gibino (Coldiretti AG), Rosario Marchese Ragona (Confagricoltura Sicilia), nonché Roberto Lagalla (assessore regionale dell’Istruzione e formazione professionale).

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.