Condividi
Il ddl all'Ars

Assenza (FdI): “Parlare di sanatoria è un esercizio di demagogia, dopo le Europee affronteremo il problema”

martedì 2 Aprile 2024

Tra la crisi e lo stallo dovuto dalla pandemia, la piaga dell’abusivismo non manca di fare sentire i propri effetti. Sulla graticola sono rimasti, infatti, migliaia di ville abusive costruite sulle spiagge siciliane nel breve arco temporale di nove anni, tra gli anni ’70 e ’80. Un fenomeno (CLICCA QUI) che negli ultimi anni però, si mantiene su livelli molto preoccupanti e addirittura si trova in continua crescita.

Adesso che è arrivato il via libera alla nuova legge di regolamentazione urbanistica in Sicilia, ci si interroga sul da farsi. La Commissione Ambiente dell’Assemblea regionale ha approvato a maggioranza il disegno di legge che contiene la sanatoria delle case abusive sul mare costruite prima dell’ottobre 1983.

Adesso è pronta per approdare in aula, dovrebbe essere calendarizzata per iniziare il percorso legislativo. Credo se ne parlerà dopo le Europee“. Il ddl in materia di urbanistica ed edilizia consentirà di semplificare l’iter burocratico del settore, a vantaggio di enti locali ma soprattutto dei cittadini e delle imprese. Inoltre la norma, per la quale da anni il deputato Giorgio Assenza si è battuto per tre legislature, relativa alle abitazioni costruite entro i 150 metri dalla battigia, sana un’ingiustizia che ha visto finora penalizzata la nostra Isola.

“Non si tratta di una nuova sanatoria, nulla di ulteriore cementificazione. Parliamo di immobili di oltre 40 anni fa certificati dal fatto che per le stesse pendono le pratiche di sanatoria, quindi è impossibile che ci siano degli equivoci o che qualcuno che ha costruito l’altro ieri possa fare il furbo. C’è un limite invalicabile, quello della pendenza delle domande di sanatoria presentate 40 anni fa“. Così dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia a Sala d’Ercole.

Si tratta di mal interpretazione. E’ pura demagogia, non stiamo sanando nulla di ulteriore, stiamo cercando di permettere in Sicilia che si applichi la sanatoria dell’85 così com’è stato fatto in tutto il resto dell’Italia“. Il condono nazionale del 1985, è stato recepita in tutto il resto d’Italia, in Sicilia no. “Un’ errata interpretazione, stiamo cercando di tappare questo buco con la normativa. E’ una battaglia personale, sulla quale non intendo coinvolgere né il partito né il governo“.

Battaglia che per fortuna ha trovato un consenso da parte della maggioranza, “sono contento di questo, spero che sia la volta buona per fare uscire dal limbo centinaia di migliaia di edifici per i quali c’è ancora un contenzioso enorme in atto“.

Inoltre, a fine gennaio sono intervenute diverse sentenze del consiglio giustizia amministrativa che hanno sollevato l’eccezione di legittimità costituzionale proprio per quelle norme su cui Assenza intende intervenire con l’emendamento. “Forse anche il Consiglio ha individuato qual è il vulnus dell’attuale situazione normativa“.

Purtroppo la Sicilia, con oltre il 60% delle costa urbanizzata, è la regione in cui è sempre più difficile abbattere gli abusi edilizi. Negli ultimi 35 anni, infatti, annunci di improbabili sanatorie hanno di fatto cancellato un ulteriore 10% del tratto di costa con costruzioni legali e non.

L’alternativa quale sarebbe? Demolire trecentomila immobili?Con quali fondi e con quali prospettive? E soprattutto senza ottenere alcun tipo di risultato, in quanto molti degli immobili sanati prima del cambio delle interpretazioni differenziali, creerebbero un’edificazione a macchia di leopardo che comunque ha compromesso ormai le nostre coste. Tanto vale ridare dignità a quei conglomerati urbani che rimangono e rimarranno per anni nel degrado e senza servizi“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Chi spaccia il crack vende morte ai ragazzi” CLICCA PER IL VIDEO

Seconda parte dell’intervista de ilSicilia.it a Francesco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. L’importanza delle strutture nei quartieri delle città, le proposte dal basso e le iniziative legislative sul tema della tossicodipendenza.

BarSicilia

Bar Sicilia, Di Sarcina e la rivoluzione dei porti del mare di Sicilia Orientale CLICCA PER IL VIDEO

Dal Prg del porto di Catania ai containers ad Augusta, passando per lo sviluppo di Pozzallo e l’ingresso di Siracusa nell’AP, il presidente Di Sarcina spiega obiettivi e progetti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.