Condividi

Cammini e vie sacre: percorsi qualificati all’insegna del dialogo tra istituzioni

mercoledì 2 Giugno 2021

Da secoli l’intreccio tra natura, arte, spiritualità incide profondamente sull’uomo, sulla sua identità e in quella della comunità in cui vive. Per questo motivo i cammini religiosi assumono un potente valore simbolico tanto da rappresentare ancora oggi, una grande attrattiva per i territori coinvolti. Il 4 giugno partirà il cammino “Sulle orme di San Bernardo” che accompagnerà i pellegrini da Sciacca a Corleone. Non si tratta di un semplice pellegrinaggio ma di una vera e propria svolta culturale  il frutto di un lavoro inter istituzionale .

A spiegarne la rilevanza è Don Roberto Fucile, Direttore regionale Ufficio Pastorale Tempo Libero , Turismo e Sport-Delegato Cesi (Conferenza episcopale siciliana). “La parola chiave è dialogo. Lavoriamo costantemente per offrire una proposta religiosa qualificata. Il pellegrino coinvolto nella Rete dei Cammini e nelle Vie Sacre di Sicilia sa che alle spalle di questi percorsi, c’è la Chiesa che ne conosce ogni elemento e che sono state predisposte tutte le garanzie a tutela del pellegrino“.

Del resto, il contesto in cui è inserito il Cammino di San Bernardo è molto ampio, racchiude oltre 30 cammini che catalizzano una miriade di iniziative in tutta la Sicilia. “Per poter consolidare questa rete – prosegue Don Roberto Fucile – è necessario mantenere costanti interlocuzioni tra la Regione siciliana, l’Ufficio Beni Culturali e l’Ufficio Turismo della Cei e la Cesi, per migliorare questa proposta a tutela di un cammino autentico“.

L’impegno dunque, è quello di evitare sovrapposizioni e confusioni all’interno di un’esperienza che risulterebbe più completa se integrata dal contributo di più realtà inclusive e dialoganti. Un esempio? Pensate a un appassionato di trekking in giro fra le montagne attorno a Burgio. Immaginate che sugli stessi sentieri, incontri la carovana di pellegrini diretti al convento dei Cappuccini o al Museo delle Mummie. Perché non unirsi a loro arricchendo così la propria esperienza artistico culturale e nel caso, anche spirituale? Si tratta insomma di scommettere su un cambio culturale che coniuga identità e diversità nell’ottica della condivisione di un cammino al tempo stesso reale e metafora di vita.

“La storia di San Bernardo da Corleone – conclude Don Roberto – racconta un territorio da valorizzare. I cammini servono a promuovere identità storico-culturali da costruire attorno ai tavoli istituzionali in cui Chiesa e Stato si confrontano per portare avanti una scommessa che sta già ottenendo l’attenzione e il giusto riconoscimento. Come Cesi, stiamo lavorando per dare supporto anche a quelle che definiamo esperienze, ossia a quei pellegrinaggi, a quei cammini meno strutturati ma comunque meritevoli di attenzione e con un grande potenziale. Dieci anni fa, era impensabile proporre una cosa simile”.

Intanto, è tutto pronto per il Cammino inaugurale “Sulle orme di San Bernardo – Cammini di fede, arte e natura”. Si inizierà la sera del 4 giugno con il primo appuntamento alle 19,30 al Convento dei Cappuccini Sciacca. Le iscrizioni si chiuderanno giorno 02/06/2021 alle ore 20:00

 

 

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Europee, la diretta in studio: analisi, ospiti e commenti CLICCA PER IL VIDEO

Dagli studi de ilSicilia.it le prime riflessioni sulle elezioni europee

BarSicilia

Bar Sicilia dal ‘Vittorio Morace’ di Liberty Lines, Cotella: “Ecco il primo ibrido al mondo”

I lettori de ilSicilia.it possono godersi in quest’anteprima le novità dell’imbarcazione chiamata a collegare i mari e i viaggiatori di Sicilia, in particolare tra Trapani e le Egadi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.