Condividi
L'operazione

Catania, intensificato il contrasto alla “malamovida”: scoperto un pusher durante i controlli

domenica 5 Maggio 2024

Anche nel fine settimana appena trascorso, come ogni week end, le forze di polizia hanno eseguito specifici servizi di presidio e controllo delle zone del centro storico cittadino, in attuazione delle direttive del Ministro dell’Interno e secondo quanto concordato in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tra il Prefetto di Catania ed i vertici provinciali delle Forze di polizia.

Con ordinanza del Questore di Catania, sono stati predisposti mirati servizi interforze di vigilanza e di ordine pubblico al fine di poter assicurare la dovuta tutela ai frequentatori delle vie e piazze della zona della “movida”, ai clienti dei locali, ai residenti ed ai titolari delle numerose attività commerciali invase da parecchi frequentatori soprattutto nel fine settimana.

I dispositivi sono stati realizzati nell’area di piazza Vincenzo Bellini e zone limitrofe da agenti della Questura di Catania e della Polizia Stradale, da militari della Guardia di Finanza e da pattuglie della Polizia Locale, con il supporto operativo di operatori della Polizia Scientifica e di unità di rinforzo del Reparto Mobile, coordinati da un Ufficiale di P.S. della Polizia di Stato, mentre in piazza Federico di Svevia e nelle zone circostanti hanno operato equipaggi dei Carabinieri e della Polizia Locale. In entrambe le zone, gli operatori hanno effettuato un’attenta attività di osservazione sulle persone in transito o in stazionamento all’interno delle aree pedonali, al fine di prevenire comportamenti eccessivi, di disturbo e comunque improntati all’illegalità. Nel corso dei servizi, inoltre, è stata eseguita una accurata perlustrazione delle piazze e delle vie circostanti, alternata alla realizzazione di diversi posti di controllo.

Nella zona circostante piazza Bellini, gli equipaggi della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza sono stati dislocati in modo da evitare l’accesso alla zona pedonale dalle strade laterali, soprattutto di motocicli, ma anche per vigilare sulle condotte degli avventori, al fine di prevenire e contrastare fenomeni di illegalità diffusa, come lo spaccio di stupefacenti o l’abuso di alcolici tra i giovani. Inoltre, particolare attenzione è stata rivolta alla via San Giuliano, da dove ci si immette nella piazza Vincenzo Bellini, ove la presenza costante del personale interforze impiegato ha impedito il frequente fenomeno della sosta selvaggia e in duplice fila, favorendo così il regolare transito veicolare nella zona.

Durante tali servizi, sono state identificate 114 persone di cui 12 con precedenti penali, sono stati controllati 47 veicoli e contestate, a cura della Polizia Stradale e della Polizia Locale, nove infrazioni al Cds, per omessa revisione del veicolo e sosta vietata su via Sangiuliano, con la sospensione di tre veicoli dalla circolazione stradale.

Nel corso delle attività di osservazione in piazza V. Bellini, inoltre, agenti della Polizia di Stato hanno notato in lontananza un principio di rissa tra due gruppi di giovani che si stavano fronteggiando minacciosamente. Il tempestivo intervento degli operatori ha messo in fuga i ragazzi, che si sono dileguati per le vie limitrofe

Nell’area del quartiere San Cristoforo, Castello Ursino, Piazza Federico di Svevia, Via Vittorio Emanuele, l’azione dei militari dei Carabinieri, con l‘impiego di tre pattuglie, è stata soprattutto rivolta al contrasto dello smercio di droga tra i giovani e dei reati predatori.

Nello specifico sono state controllate 21 persone, tra fruitori della movida e utenti della strada e 14 veicoli e sono state contestate, inoltre, 11 infrazioni al Codice della Strada, comminando sanzioni per un importo complessivo di € 600,00, soprattutto per divieto di sosta e sosta sulle strisce pedonali, nei confronti di automobilisti che avevano parcheggiato irregolarmente la propria auto davanti al Castello Ursino, impedendo in tal modo il fenomeno della “sosta selvaggia” in quelle aree, a favore del decoro urbano e della fruibilità degli spazi comuni da parte di cittadini e turisti.

Sono stati inoltre effettuati sei controlli volti a prevenire la guida sotto l’effetto di alcool, con l’utilizzo dell’etilometro, all’esito dei quali nessun conducente è stato trovato alla guida in stato di ebbrezza. Eseguite, altresì, sei perquisizioni personali tra giovani per la ricerca di stupefacenti e proprio nell’ambito della lotta allo spaccio nelle zone della “movida”, in piazza Federico di Svevia, i Carabinieri della Stazione di Piazza Dante hanno bloccato un 25enne del posto, trovato in possesso di droga e di una arma impropria. In particolare, i militari hanno controllato il giovane, che sostava all’interno della propria auto dinanzi all’ingresso principale di Castello Ursino, recuperando ben nascosti all’interno dell’abitacolo, circa un etto di hashish, 2 dosi di marijuana e una mazza da baseball in alluminio di 60 cm. Il giovane è stato, pertanto, tratto in arresto.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.