Condividi
Al San Marco

Catania, prelievo d’organo su un anziano: lavoro di squadra per valorizzare ogni donazione

giovedì 20 Giugno 2024

Un prelievo di organo è stato eseguito all’Ospedale San Marco di Catania su una persona molto anziana deceduta per complicazioni da emorragia cerebrale, i cui familiari hanno senza indugio e con grande  senso civico acconsentito alla donazione.

Data l’età avanzata, il paziente è stato sottoposto ad un’attenta valutazione delle caratteristiche cliniche, inclusa l’indagine istologica intraoperatoria del fegato, che hanno decretato l’idoneità dell’organo al trapianto.

Questo tipo di prelievi di organi di persone molto in là con gli anni,  i cosiddetti “grandi anziani”, presuppone che ci sia una capacità  tecnica e organizzativa esperta, capace di valorizzare tutte le  donazioni così generosamente espresse dai donatori o dai loro  familiari dopo la morte del proprio congiunto, con l’obiettivo di dare  risposte efficaci alle persone in attesa di trapianto.

Il team multidisciplinare dell’AOUP “G. Rodolico – San Marco” di  Catania lavora da anni in tal senso, per fare in modo che ogni  donazione possa essere ottimizzata e che i cittadini possano in vita manifestare le proprie volontà dirette alla donazione, mostrando la  propria solidarietà verso persone malate ma con possibilità di  proseguire la propria esistenza.

La Commissione per l’accertamento della morte cerebrale era composta  dai dirigenti medici Maria Luisa Maniglia della direzione medica, Alessandro Conti anestesista rianimatore e dalla neurologa Daniela  Fatuzzo. L’équipe che ha effettuato il prelievo era composta dai  medici del San Marco, l’anestesista Maria Antonietta Orban e l’anatomo  patologa Loredana Villari e dal chirurgo prelevatore dell’Ismett di  Palermo, Ivan Vella.L’équipe dell’Ismett che ha effettuato il prelievo è quindi rientrata  nel capoluogo siciliano con il fegato e in elicottero dallo stesso San  Marco, con un abbattimento consistente dei tempi di ischemia fredda  degli organi asportati che ne garantisce una migliore conservazione e  fruibilità.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.