Condividi

Club Med di Cefalù, gli ex dipendenti minacciano di boicottare la riapertura

martedì 8 Maggio 2018
club med

Scoppia la protesta dei lavoratori del Club Med di Cefalù. Gli ex dipendenti, infatti, denunciano il mancato rispetto da parte dell’azienda dell’accordo che garantisce priorità alle loro assunzioni e si dicono pronti anche al blocco dei cancelli in vista dell’inaugurazione prevista a giugno. E la Uiltucs Sicilia guidata da Marianna Flauto chiede il rispetto degli accordi sindacali.

L’azienda, infatti, avrebbe già effettuato oltre centro assunzioni, anche tramite società appaltatrici, senza prendere in considerazione il vecchio bacino che inizialmente contava un’ottantina di dipendenti. ”È una scelta incomprensibile – dice Flauto –si tratta di un numero di lavoratori inferiore a quello iniziale e tutti con mansioni e qualifiche ben precise che si sono formati con l’azienda. Invece di riprenderli, la proprietà sta ricorrendo a nuove assunzioni ma sempre per le stesse mansioni e competenze. È inaccettabile, va garantita la priorità agli ex dipendenti e siamo pronti a fare valere i loro diritti a tutti i costi”.

In una lettera inviata al presidente della Regione, agli assessori al Turismo e al Lavoro e ai deputati, i lavoratori ricordano che “Nel 2005 il villaggio fu chiuso per lavori di ristrutturazione e che un accordo sindacale, siglato il 31 maggio di quell’anno, stabilì che alla riapertura (prevista inizialmente per giugno 2007) la società avrebbe dovuto rispettare i diritti di precedenza.

In alternativa – continuano – la società avrebbe anche dovuto segnalare alle imprese affidatarie di servizi quei lavoratori in possesso delle qualifiche professionali necessarie per la loro assunzione”. L’azienda, però, avrebbe disatteso gli accordi.

I lavoratori, inoltre, hanno chiesto alla Procura presso il Tribunale di Termini Imerese Un’azione giudiziaria per garantire i nostri diritti, soprattutto alla luce dell’affermazione del legale del Club Med che dichiara ormai prescritto l’accordo del 2005. Non sa l’avvocato che tale diritto si prescrive dopo, e soltanto dopo, che il Club è
pronto a mantener fede ai suoi impegni”. I lavoratori sperano quindi che “Lo stesso Club Med riveda le sue decisioni ma se la nostra speranza dovesse restare tale allora non ci resterebbe altro che organizzare uno sciopero e sicuramente un sit-in al momento della prossima inaugurazione”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.