Condividi

Confermato l’ergastolo al boss Tagliavia per la strage di via dei Georgofili

lunedì 20 Febbraio 2017

La seconda sezione penale della Cassazione ha stabilito la conferma dell’ergastolo al boss palermitano di Brancaccio Francesco Tagliavia per aver fornito l’esplosivo ha provocato la strage in via dei Georgofili a Firenze. Tagliavia era già stato condannato all’ergastolo per l’omicidio Borsellino, insieme a Riina, Greco e Graviano.

la-strage-dei-georgofili-4-2La nuova condanna arriva nell’ambito del processo bis al termine della riserva stabilita dopo la camera di consiglio un mese fa. Il 20 gennaio scorso, infatti, il sostituto pg, Mario Pinelli aveva sollecitato la conferma della sentenza emessa dalla Corte d’appello di Firenze il 24 febbraio 2016 che aveva condannato nuovamente Tagliavia all’ergastolo e all’isolamento diurno di un anno. Questa è la seconda volta che il processo approda in Cassazione, dal momento che la stessa Suprema Corte aveva annullato con rinvio la prima sentenza d’appello per una valutazione degli elementi di prova a sostegno delle dichiarazioni dei pentiti Gaspare Spatuzza e Pietro Romeo che accusavano Tagliavia.

francesco-tagliavia-1La strage di via dei Georgofili è stato una delle stragi di mafia del biennio 1992-93; l’attentato è stato compiuto nella notte fra il 26 e il 27 maggio del 1993 quando un’autobomba con 277 kg di esplosivo esplose in via dei Gergofili a Firenze uccidendo cinque persone: i coniugi Fabrizio Nencioni (39 anni) e Angela Fiume (36 anni) con le loro figlie Nadia Nencioni (9 anni), Caterina Nencioni (50 giorni di vita) e lo studente Dario Capolicchio (22 anni). I feriti furono più di 40 e numerosi furono i danni alla Galleria degli Uffizi.

“Era lui il capo famiglia, era lui che aveva mandato l’esplosivo a Firenze in via dei Georgofili”. Così Giovanna Maggiani Chelli, presidente Associazione vittime strage via dei Georgofili, commenta l’ergastolo di Tagliavia. “Il boia dei nostri figli. Ma sopratutto, pur aspettando le motivazioni – conclude Maggiani Chelli – è evidente che Gaspare Spatuzza è attendibile e la trattativa stato/mafia non si può più dire presunta”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, parla il Prefetto Cucinotta: “Tuteleremo fondi Pnrr da infiltrazioni mafiose. E’ un problema nostro” CLICCA PER IL VIDEO

Il Prefetto di Palermo Maria Teresa Cucinotta intervistata a margine dell’iniziativa “Giornata della Trasparenza”, organizzata dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, ha fatto il punto sugli strumenti a disposizione della Giustizia per evitare il rischio di infiltrazioni mafiose sui fondi Pnrr e sulle grandi opere pubbliche

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.