Condividi

Crocetta: “Ho salvato Regione dal dissesto, rivinceremo elezioni” [Video]

venerdì 17 Febbraio 2017

Fa un bilancio di quattro anni di legislatura citando alcune azioni portate avanti dal suo governo e rivendicando di “avere salvato la Sicilia che schiava il dissesto” Rosario Crocetta presentando, a Palermo, la sua nuova creatura “Riparte Sicilia” che si prefigge di raggruppare movimenti, circoli e singoli cittadini nell’alveo di un progetto autonomista “e non di grande coalizione”, “per rivincere le elezioni”. Assieme a Crocetta, nel nuovo comitato elettorale, il senatore Pd Beppe Lumia, il vice presidente della Regione Mariella Lo Bello e alcuni fedelissimi del governatore.

Lavoriamo per impedire la scissione nel Pd e per raggiungere una maggiore unità, io non ho mai fatto parte di correnti”. Inaugurando il primo circolo di #RiparteSicilia, in via Mariano Stabile 171, a Palermo, Crocetta spiega che «#RiparteSicilia non è il solito partitino, è un movimento totalmente siciliano dove si partecipa come soggetti e non c’è un direttorio. Daremo vita a una rete di movimenti mettendo al centro la Sicilia, che intendiamo difendere. Stiamo mettendo insieme uomini e donne di questa Sicilia che hanno una storia: da Valeria Grasso a Sonia Alfano, da Maria Grazia Brandara a Mariella Lo Bello. Partiamo da una rete diffusa di movimenti. La Sicilia non può essere subalterna a interessi romani». Una rete di movimenti, ha sottolineato nel corso della conferenza stampa, che puntano «alla difesa dell’autonomia e dell’identità siciliana, in termini democratici e progressisti. Il movimento non vuole essere un altro partito – ha crocetta grasso alfano lobellopuntualizzato Crocetta – ma qualcosa che parte dal basso con un concetto di democrazia fortemente partecipata e decentrata”.

Il Megafono non si estingue, dobbiamo lavorare per una grande intesa autonomistica. Noi siamo vincenti e possiamo rivincere le elezioni. Della Sicilia si deve cominciare a parlare bene”, ha aggiunto, enunciando i risultati ottenuti dal Governo regionale. “Se questi dati fossero stati raggiunti dalle altre regioni – ha sottolineato -, queste sarebbero state esaltate dalla stampa nazionale, considerate come modello. Invece siamo rappresentati spesso come regione canaglia. Noi ci opponiamo a questa visione e diciamo no alla rappresentazione dei siciliani-canaglia”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.