Condividi

Denunciato un funzionario di Riscossione Sicilia, avrebbe intascato quasi 1 milione di euro

giovedì 23 Febbraio 2017

Enna 3Invece di gestire il pagamento delle entrate nella Regione siciliana, il pubblico ufficiale “infedele” si sarebbe intascato circa 1 milione di euro dalle casse di Riscossione Sicilia spa. Da qui è partita la denuncia della Guardia di finanza di Enna; l’indagato dovrà rispondere di falso, peculato e truffa aggravati ai danni dell’Erario. Le indagini economico-finanziarie, dirette e coordinate dal procuratore Massimo Palmeri e dal sostituto Giovanni Romano, hanno consentito di accertare che l’indagato, nel periodo 2009 – 2015 si sarebbe appropriato indebitamente di oltre 940 mila euro di cui aveva la disponibilità in ragione della funzione esercitata.

In particolare, il funzionario – responsabile, di fatto, del settore contabilità dell’agenzia di Enna – attraverso diversificati modi illeciti, agevolati dall’assenza di efficaci controlli interni, avrebbe distolto a proprio vantaggio somme di denaro destinate alle casse dello Stato o altri Enti impositori o addirittura ai contribuenti, a titolo di rimborso fiscale.

Enna 2Le operazioni, tutte supportate da falsa documentazione cartacea e digitale, avvenivano in diversi modi: come il sostituire l’Iban del contribuente destinatario del rimborso fiscale con il proprio; richiedere e negoziare assegni circolari con provviste tratte dalla società di riscossione e successivamente reimpiegando le somme in operazioni di acquisto di titoli; o, in molteplici, casi mediante prelievi di contante, direttamente operati presso lo sportello della banca, titolare del conto aziendale.

Le indagini, sfociate nell’ambito dell’operazione, denominata ‘Facete’, sono state progressivamente estese nel tempo, atteso che dall’analisi patrimoniale e finanziaria e’ emerso che il tenore di vita dell’indagato era incompatibile con i soli redditi di lavoro e con i flussi e le movimentazioni dei conti bancari personali, presentando rilevanti e ingiustificate disponibilità finanziarie.

Il dipendente, oggi non più in servizio perché già licenziato dall’azienda per “giusta causa”, nella fase iniziale delle indagini, messo alle strette dai militari delle Fiamme Gialle, aveva pure ammesso alcune appropriazioni, rivelatesi solo una minima parte degli oltre cinquanta episodi accertati. Anche Riscossione Sicilia, in seguito al reclamo di un contribuente che non aveva ricevuto un rimborso fiscale, aveva iniziato autonomi accertamenti ispettivi, avvalendosi dell'”Audit” aziendale; accertamenti che avevano indotto l’indagato alla spontanea restituzione di 55 mila euro e la società alla successiva denuncia delle appropriazioni dei rimborsi indebitamente percepiti dal dipendente. Le operazioni ispettive di Riscossione Sicilia sono quindi proseguite parallelamente alle attivita’ investigative, in un clima di collaborazione con la Guardia di Finanza.Enna 1

I finanzieri del Nucleo polizia tributaria hanno, inoltre, eseguito due misure cautelari patrimoniali, sottoponendo a sequestro preventivo per equivalente due unita’ immobiliari nelle province di Enna e Catania, di proprietà dell’indagato. I provvedimenti sono stati emessi dal gip su richiesta della locale Procura. Al termine dell’attività investigativa, sono stati segnalati alla Procura regionale delle Corte dei Conti, oltre al dipendente infedele, quattro tra funzionari e dirigenti dell’Ente di riscossione, sede di Enna, per l’eventuale “culpa in vigilando” e gravi carenze del sistema di controllo interno che hanno causato un danno erariale pari a circa 885 mila euro, al netto di quanto spontaneamente restituito. Inoltre, sono stati assoggettati a tassazione anche i proventi illeciti complessivamente percepiti dall’indagato in ciascuno degli anni incriminati, quantificando un’imposta di reddito dovuta di oltre 200 mila euro.

antonio-fiumefreddoL’amministratore unico delegato Antonio Fiumefreddo giorni fa aveva dato una sorta di aut aut. “Se Riscossione non viene potenziata mi dimetto“, adesso è costretto a fare i conti con questa nuova grana.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.