Condividi

Etna: nuova eruzione, chiuso lo spazio aereo | VIDEO

venerdì 19 Febbraio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Sull’Etna si è verificato un nuovo trabocco lavico dal Cratere di Sud-Est, che ha avuto inizio poco prima delle ore 8.55 di stamane.

Lo ha rilevato l’INGV (Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia) con l’ausilio delle telecamere di sorveglianza del vulcano. Il flusso lavico sta scendendo il versante orientale del cono e si dirige verso la desertica Valle del Bove. L’ampiezza del tremore è in aumento.

In corso fontane di lava dai crateri sommitali che stanno producendo una colonna di fumo e cenere colore grigio scuro. Lo spazio aereo è stato interdetto.

Territori interessati: fronte a sud e sud-est dell’Etna – comuni Paesi Etnei, distretto dell’acese, Belpasso, Misterbianco, Catania, Zona aeroporto Fontanarossa, Siracusa.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che si è esaurita la fontana di lava, i flussi lavici, che si espandono sulla Valle del Bove, si attestano ad una quota di circa 2.600 metri sul livello del mare, ma non è in lento avanzamento e non è più alimentata.

La nube eruttiva prodotta dall’attività esplosiva si è dispersa in direzione est-sud-est causando la ricaduta di cenere e lapilli sugli abitati del versante orientale del vulcano. L’ampiezza media del tremore vulcanico e l’attività infrasonica hanno registrato una diminuzione della loro intensità ed allo stato attuale risultano confrontabili a quelli che hanno preceduto l’attività di fontana di lava.

I dati di deformazione indicano un rientro delle variazioni registrate alla rete clinometrica.

Militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Catania sono impegnati in un apposito servizio di controllo del territorio nell’ambito dell’eruzione dell’Etna. In particolare i militari del Sagf delle Fiamme gialle di Nicolosi si sono recati in prossimità delle quote sommitali – versante sud a quota 2.500 – per impedire l’accesso all’aree interdette ai potenziali avventori incuriositi dalla attività parossistica dell’Etna con fonte di lava ed emissione di cenere.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.