Condividi

Grande Migliore, arrivano i cinesi. I sindacati: “Tutelare i 20 ex dipendenti”

giovedì 1 Febbraio 2018
Grande Migliore, via Generale di Maria PA

Arrivano i cinesi nel negozio Grande Migliore di via Generale Di Maria che la società Gieco Srl aveva deciso di chiudere il 31 dicembre decretando il licenziamento dei suoi dipendenti. Adesso, a distanza di un mese, proprio nello stesso locale sta per aprire un nuovo punto vendita gestito da una società cinese. Si tratta della New Star, società amministrata da soci di origine cinese che in città hanno già aperto altri negozi a marchio Z&H.

Una buona notizia, quindi, per i lavoratori licenziati che potrebbero ritornare al lavoro, ma i sindacati temono che la nuova società non sia disposta a riassumerli.

Marianna Flauto
Marianna Flauto

Emblematico è a tal proposito il silenzio dell’azienda. Come spiegano Marianna Flauto e Mimma Calabrò, segretarie regionali rispettivamente della Uiltucs e della Fisascat Cisl “abbiamo già chiesto un incontro alla New Star e alla Milton, società appartenente alla famiglia Bellavia che ha in subaffitto l’immobile e che a sua volta ha subaffittato a New Star. Ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta”.

“Quello che appare – dicono Uiltucs e Fisascatè che probabilmente il meccanismo che queste aziende hanno messo in campo ha il preciso obiettivo di tentare di eludere le norme che prevedono la garanzia dei livelli occupazionali. Tutela che sono comunque riconosciute dalla legge. In assenza di una chiara e concreta disponibilità da parte della società alla salvaguardia dei lavoratori, saremo costretti ad attivarci presso le sedi competenti per garantire i diritti lesi e far emergere le eventuali violazioni della legge che si riscontreranno”. 

Mimma Calabrò
Mimma Calabrò

I sindacati chiedono, quindi, che “le autorità competenti intervengano affinché venga fatta chiarezza sulla vicenda, non si può permettere a queste aziende di assumere nuovi  lavoratori magari godendo dei benefici derivanti dagli sgravi fiscali e contributivi e allo stesso tempo di lasciare a casa i lavoratori che hanno diritto al mantenimento del posto di lavoro su quell’unità produttiva. L’assenza di controlli anche sulla regolarità dei rapporti di lavoro – concludono i sindacati – favorisce il proliferare di rapporti irregolari, di lavoro nero, il dumping contrattuale, condizioni spesso subite dai lavoratori per lo stato di bisogno in cui versano”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il popolo del Reddito di Cittadinanza in rivolta a Palermo: “Meloni, non siamo parassiti” CLICCA PER IL VIDEO

Numerosi percettori del reddito di cittadinanza si sono riuniti per protestare contro la riforma del governo Meloni

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.