Condividi

I discepoli di Montante ancora in sella al potere in Sicilia

mercoledì 30 Ottobre 2019
Antonello Montante

Il giorno dell’arresto di Montante hanno continuato a tenere i loro incarichi e a non negare la vicinanza e l’amicizia nei confronti dell’ex paladino della giustizia ed ex presidente di Confindustria. Sono sempre stati garantisti nei confronti dell’imprenditore di Serradifalco.

Dopo la condanna in primo grado a 14 anni per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e accesso abusivo a sistema informatico, ora la procura di Caltanissetta ha iscritto di nuovo Montante sul registro degli indagati: l’ipotesi dei pm è riciclaggio. Ma il garantismo da parte di chi ha avuto poltrone di rilievo anche grazie a lui, rimane invariato. Sono i discepoli di Montante. I sopravvissuti, al momento, di un sistema oscuro che a quanto pare in molti sembrano non essersi accorti. Personaggi che nel periodo in cui il ‘guru’ di Confindustria teneva relazioni con pezzi dello Stato, politici nazionali e alti ufficiali ed aveva influenze sulla politica siciliana di quegli anni, hanno occupato poltrone in uffici pubblici e non solo. e Ancora oggi stanno ancora lì. Anzi qualcuno è ancora più forte di prima.

Chi nell’era Montante c’era e c’è ancora è Alessandro Albanese, vicepresidente vicario di Confindustria Sicilia, presidente della Camera di Commercio di Palermo ed Enna e componente del Cda di Gesap, la società che gestisce lo scalo aeroportuale del capoluogo siciliano. Albanese in una intervista a ilSicilia.it ha affermato: “Io ho fatto il componente di Sicindustria, quando c’era Montante alla presidenza, ho ricoperto il ruolo di vicepresidente quando c’era Catanzaro. E’ davvero brutto vedere tanti nuovi e fantomatici giudici e opinionisti sul processo Montante che oggi condannano e sentenziano e ieri erano tutti dietro la porta ad aspettare di essere ricevuti proprio da Antonello Montante”.

E nel frattempo che aspettiamo dallo stesso Albanese qualche nome di chi stava ad attendere di essere ricevuto dal cavaliere del lavoro in manette, la lista di chi ad oggi rimane ai vertici dei colletti in bianchi in Sicilia è abbastanza ampia. Come Gregory Bongiorno: anche lui è stato vicepresidente di confindustria quando Giuseppe Catanzaro, il “re dei rifiuti”, era stato nominato come presidente. Proprio Catanzaro ha dovuto poi dimettersi perché anche lui è stato investito dall’inchiesta giudiziaria sul big dell’antimafia in Sicilia. Catanzaro con la sua discarica ‘Siculiana’ rappresenta un ruolo centrale sui rifiuti.

Ritornando al dottor  Bongiorno, è attualmente consigliere delegato di Agesp S.p.A (Castellammare del Golfo, TP, dal 2005), azienda operante in Italia nel campo della raccolta e smaltimento dei rifiuti con oltre 300 dipendenti. E’ Amministratore Unico di Calathamet S.r.L (Castellammare del Golfo, TP, dal 2004), società immobiliare, e, dal 2013 vice Presidente del Consiglio di Amministrazione del Distretto Turistico Sicilia Occidentale. Inoltre è Presidente Confindustria Trapani (dal 2013) e componente della Giunta Regionale Confindustria Sicilia (dal 2006).

Ma c’è anche Ivo Blandina, vice presidente vicario di Sicindustria Messina, il cui nome è presente nelle carte su Montante. Ad oggi non risulta indagato. A quanto pare anche il giovane Gero La Rocca è un ex dei “Montante-boys”. Il giovane classe 1982 ha fondato la Ecoface Industry srl, azienda che si occupa di valorizzazione dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata ed è il presidente dei giovani imprenditori di confindustria. E pare che Giuseppe Catanzaro avesse un debole per le abilità imprenditoriali del giovane.

Ma la lista dei nomi non si ferma soltanto tra gli apparati ancora reggenti su Confindustria. Esistono volti che ricoprono incarichi istituzionali nel silenzio assoluto da parte della politica. La prima che salta agli occhi è Maria Grazia Brandara, ex commissario dell’Irsap. Lei è indagata nel secondo filone dell’inchiesta Montante. Dal 2016 è a capo dell’Ias (la società controllata dal consorzio Asi di Siracusa che gestisce l’impianto di depurazione a Priolo), è rimasta al suo posto malgrado il cambio di governo regionale, anzi ha raddoppiato i suoi incarichi, candidandosi e raggiungendo la poltrona di primo cittadino a Naro.

Ma esiste una altra donna molto vicina agli ambienti di Montante: Alida Marchese ex dipendente di Confindustria, nominata come revisore dei Conti alla Crias dall’allora assessore del governo Crocetta, Mariella Lo Bello: a quanto pare non è mai stata rimossa dalla sua poltrona dal governatore Musumeci. Per l’appunto l’ex assessore Lo Bello ad oggi è indagata a Caltanissetta per il “sistema Montante”. E come dimenticare Linda Vancheri ex assessore alle Attività Produttive del governo Crocetta, donna di Confindustria e dello scacchiere dell’ex paladino della giustizia. Ad oggi Project manager delle politiche industriali di Confindustria.

Questi solo alcuni degli ex fedelissimi di Antonello Montante che ad oggi rivestono ruoli importanti nelle ampie maglie del potere siciliano e non solo.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.