Condividi

I problemi di ieri e le soluzioni di oggi. Lavoratori di Sviluppo Italia nel limbo

giovedì 18 Gennaio 2018

Ieri, oggi, domani. Marcare le differenze da Crocetta e andare oltre ai problemi, provando a trovare le soluzioni più efficaci.  È questo il ritornello che nella maggioranza che sostiene Musumeci vanno ripetendo.

Un mantra quasi scaramantico, un ritornello di discontinuità a cui affidare anche, se possibile, le speranze di lancio di una campagna elettorale per le politiche,  che però oggi ha lasciato il posto a molti buoni propositi e a poche soluzioni.

Per ora vige solo la dura legge dello “scaricabarile”.

Partendo, ad esempio dalla situazione di Sviluppo Italia Sicilia.

Gianfranco Miccichè, in piena campagna elettorale aveva assunto un impegno leale, senza farselo ripetere due volte, nei confronti degli impegni nei confronti dei lavoratori di Sviluppo Italia Sicilia, la partecipata che il governo Crocetta ha deciso di dover liquidare e che la Regione aveva messo dentro l’affollato recinto delle società partecipate, oggi molte delle quali in sofferenza, per aumentare la capacità di attrazione degli investimenti.

miccichè

Le aspettative dei lavoratori ora sono rivolte dunque all’esecutivo guidato da Nello Musumeci, che nel dossier di riordino delle partecipate, mette anche questa nuova criticità da risolvere.

Fare chiarezza, distinguere i livelli di responsabilità ed evitare possibilmente lo scaribarile.  Dopo le vicende che avevano portato i lavoratori fuori dall’orbita dell’utilizzo da parte di Sas (Servizi ausiliari Sicilia), il silenzio regna totale.

Nella fase di transizione tra l’uscita di scena del vecchio governo e l’insediamento del nuovo, dall’assessorato di Via Leopardi facevano  sapere che la questione era indirizzata verso una soluzione dopo aver chiarito che il parere chiesto all’Avvocatura dello Stato da parte degli uffici della Regione sull’utilizzo dei lavoratori, riguardava aspetti di carattere più generale.

L’unico fatto certo al momento è che si decise di non inserire i lavoratori di Sviluppo Italia Sicilia nella lista da cui attingere per il loro utilizzo all’interno di Sas.

Una telenovela senza lieto fine, almeno fino a questo momento, quella che riguarda Sviluppo Italia Sicilia, con i lavoratori, ormai licenziati dalla partecipata in liquidazione, che non entrano in Sas, il contenitore individuato dall’assessore all’Economia Baccei per il loro assorbimento dopo la fine dell’esperienza della società acquistata dalla Regione per attrarre investimenti e poi messa da parte.

Un’assunzione, peraltro, a tempo determinato per un anno a 24 ore settimanali poiché la disponibilità è di 2 milioni e 700mila euro. Questa la proposta che i lavoratori della società siciliana non si sentirono di poter accettare.

Gli stessi lavoratori poi avevano presentato un esposto denuncia in cui diffidavano la Regione Siciliana a porre in essere atti indirizzo, atti amministrativi che possano essere pregiudizievoli per i lavoratori in questione e alla Sas di porre in essere un qualsiasi atto di interpello che li escluda chiedendo al contempo al Presidente della Regione di attivare nell’immediato un tavolo con le parti sindacali per sbloccare la vertenza.

I debiti di Sviluppo Italia Sicilia ammontavano a circa 9 milioni di euro a cui ha corrisposto un atteggiamento poco reattivo da parte della Regione negli ultimi due anni, che  ha generato uno stallo dal quale la società, acquisita nel 2008  per migliorare la capacità di attrazione di investimenti, non è più uscita.

L’impossibilità rilevata dall’amministrazione regionale inoltre, che ha evidenziato come la società non era in condizione di stare sul mercato, a fronte del quadro generale determinatosi, ha fatto il resto, “bruciando” quel che restava di una  storia societaria di mancata riconversione, ma anche di disinteresse politico e di mancata programmazione nel tempo.

Gli ex lavoratori guardano in fiducia al nuovo esecutivo, confidando di poter ripartire quanto meno da un’interlocuzione rinnovata. Ma oggi, all’orizzonte, almeno per il momento, si vede poco o niente.

Un quadro che non rassicura nessuno.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.