Condividi

La Corte dei Conti li condanna, l’Irsap se ne infischia. Ma se ci fosse il codice etico..

mercoledì 23 Novembre 2016
regione

Condannati per danno erariale nei confronti della pubblica amministrazione ma riabilitati. E premiati.. Come? Addirittura con l’assunzione in ruoli dirigenziali proprio nella pubblica amministrazione. Ma non basta. Perché chi ha deciso di “riassumerli” lo ha fatto piazzandoli all’Irsap, l’Istituto controllato dalla Regione siciliana che ha assorbito il coordinamento e le competenze degli ex Consorzi Asi, le aree industriali e ora guidato da Mariagrazia Brandara, vicina al vice presidente Mariella Lo Bello: e paradosso dei paradossi Antonino Casesa e Salvatore Valenti, i due condannati dai giudici contabili per avere favorito avanzamenti di carriera, da qualche settimana guidano due uffici strategici dell’Irsap nonostante siano stati condannati dalla Corte dei Conti in via definitiva per avere creato un danno erariale proprio nelle Asi dove lavoravano.

cicero-irsapCasesa ad Agrigento, ora a capo dell’ufficio del personale dell’Istituto, Valenti alla guida dell’area finanziaria centrale dell’Irsap. Capita anche questo nella terra di Pirandello. Ma la storia è ancora più complicata. Perché Casesa appena un mese fa è uscito pulito dal procedimento penale con la Cassazione che lo ha assolto in via definitiva. Insomma, per la giustizia ordinaria il dirigente, denunciato dall’ex presidente dell’Irsap Alfonso Cicero (in foto), non ha commesso alcun reato quand’era all’Asi mentre per la magistratura contabile, che lo ha condannato in primo grado e in Appello, è colpevole di danno erariale nell’ambito della stessa vicenda denunciata da Cicero. Un bel rompicapo per quel codice etico in discussione (con l’obiettivo di farlo diventare legge) all’Assemblea regionale siciliana, che si pone lo scopo di punire i dipendenti “infedeli” della pubblica amministrazione rinviati a giudizio. Casesa è stato condannato per avere attribuito maggiori e ingenti compensi per l’indennità di carica a favore di Stefano Catuara, ex presidente del Consorzio Asi di Agrigento, anch’egli condannato – in via definitiva – per danno erariale. Casesa, inoltre, era stato già condannato sempre dalla Corte dei Conti, alcuni mesi fa, anche per un altro procedimento, scaturito sempre da una denuncia di Cicero, per avere autorizzato, illecitamente, a Catuara l’uso dell’auto di servizio consentendogli di recarsi più volte dalla propria abitazione alla sede dell’ente. Nei confronti di Casesa è stata emessa nel 2014 anche una richiesta di rinvio a giudizio dalla Procura di Agrigento, originata sempre da esposti presentati da Cicero, per i reati di concorso in abuso d’ufficio continuato e peculato, un procedimento che si celebrerà davanti al gup di Agrigento.

(AM)

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il popolo del Reddito di Cittadinanza in rivolta a Palermo: “Meloni, non siamo parassiti” CLICCA PER IL VIDEO

Numerosi percettori del reddito di cittadinanza si sono riuniti per protestare contro la riforma del governo Meloni

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.