Condividi

Mafia, estorsioni e droga a Catania: ordinanza per 18 indagati

mercoledì 8 Giugno 2022

La polizia di Catania, coordinata dalla locale Direzione distrettuale antimafia, sta eseguendo un’ordinanza cautelare nei confronti di 18 indagati.

L’operazione, denominata ‘Odissea’, ha fatto luce su un gruppo criminale che, secondo l’accusa, sarebbe dedito alla commissione di reati come associazione mafiosa, estorsioni, usura, detenzione di armi e traffico di sostanze stupefacenti.
Particolari sulle indagini saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella sala riunioni del X Reparto Mobile della polizia di Catania.

Sedici persone arrestate, una posta ai domiciliari e una sottoposta agli obblighi di dimora. E’ il bilancio dell’operazione ‘Odissea’ della polizia di Catania, coordinata dalla locale Dda, di un gruppo legato alla cosca Santapaola-Ercolano che operava in provincia, tra Acireale e Aci Catena, e che si era riorganizzato dopo le scarcerazioni di loro elementi di spicco. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, estorsioni, usura, detenzione di armi e traffico di sostanze stupefacenti.

Le indagini del commissariato di polizia di Acireale e della squadra mobile di Catania sono state avviate nel gennaio del 2019 e si sono protratte fino al novembre del 2021. Secondo l’accusa il ‘reggente’ sarebbe stato Antonino Patanè, operativo ad Aci Catena, che, ricostruisce la Procura, dopo essere stato scarcerato, nel novembre del 2018, avrebbe “assunto immediatamente la direzione del sodalizio, riorganizzandone la struttura e riattivando diverse estorsioni ai danni di imprenditori del territorio”. A lui si sarebbero uniti altri indagati, anche loro dopo essere stati scarcerati. Compreso Rosario Panebianco, tornato in libertà nel luglio del 2019 e indicato come il capo del gruppo di Acireale Dopo “la riunificazione degli storici vertici criminali”, ricostruisce la Dda di Catania, “in continuità con le attività delinquenziali del gruppo storico già facente capo al defunto Sebastiano Sciuto, sono state poi accertate con elevata probabilità molteplici fattispecie criminose tipiche dei gruppi mafiosi, come le estorsioni, lo spaccio di sostanze stupefacenti e l’usura”.

Un supporto alle indagini è arrivato da diversi collaboratori di giustizia come Mario Vinciguerra, Carmelo Porto e Giovanni La Rosa.
Durante le indagini, il 21 dicembre 2021, il commissariato di Acireale ha arrestato Salvatore Indelicato, ritenuto uno degli esponenti di spicco della famiglia mafiosa acese, che, con un complice, avrebbe preteso da un commerciante 2.000 euro per “comprare i panettoni per tutti”. L’arresto è stato frutto di un’indagine autonoma rispetto alla principale, spiega la Dda, “resosi necessario per scongiurare più gravi conseguenze”, e che “permetteva di riscontrare ulteriormente l’operatività del gruppo criminale e la sua pericolosità”. Le indagini hanno portato al sequestro dell’attività di un’autonoleggio utilizzato dal gruppo come base logistica per le riunioni associative.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.