Condividi

Matrimonio in crisi e lui si dà fuoco come un “bonzo”, suicidio a Catania

venerdì 9 Novembre 2018
bonzo

È morto nell’ospedale Cannizzaro di Catania, dove era stato ricoverato, il 58enne che ieri aveva riporto gravissime ustioni dandosi fuoco, come un bonzo (monaco buddista), dopo essersi cosparso il corpo con del liquido infiammabile.

Pare che il movente del gesto sia da collegare alla crisi del suo matrimonio. L’episodio è avvenuto in un cortile attiguo alla corsia d’accesso a dei garage di un condominio del Catanese. È stata la moglie, hanno ricostruito i carabinieri della compagnia di Acireale, a chiamare i soccorsi.

Sul posto è intervenuta una squadra dei vigili del fuoco. Il 58enne è stato portato in ambulanza, per l’impossibilità dell’elicottero del 118 di potere atterrare in zona, nel Centro grandi ustionati dell’ospedale Cannizzaro di Catania. È morto, nel reparto di Rianimazione del nosocomio, per i postumi di ustioni di terzo grado riportate su gran parte del corpo.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Europee, la diretta in studio: analisi, ospiti e commenti CLICCA PER IL VIDEO

Dagli studi de ilSicilia.it le prime riflessioni sulle elezioni europee

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.