Condividi
il fatto

Messina Denaro, lo stragista “metropolitano”. Cosa Nostra e l’immagine “pubblica” dei capi

martedì 17 Gennaio 2023

Dopo l’arresto di Matteo Messina Denaro assistiamo a quello che potrebbe essere un cambiamento epocale nella gestione dell’immagine pubblica dei capi di Cosa Nostra.

riina

Il modello di rappresentazione dell’immagine degli stragisti è mutato nel tempo, insieme alle dinamiche attraversate dall’organizzazione criminale.

bernardo-provenzano

Un’identità apparentemente subculturale e defilata quella di Totò Riina e Bernando Provenzano, che si tramuta in un’ immagine pubblica attenta e ostentativa per gli ultimi sodali contrapposta a quella di Matteo Messina Denaro, definito “elegante e gentilissimo” da chi si trovava nelle clinica al momento del suo arresto. In effetti, si è mostrato un capo accorto, attento all’apparenza e dedito al culto del bello. Abiti firmati e lussuosi, orologi dal costo inaccessibile a molti e un savoir faire, tipico dei gentlemen.

L’immagine del “campagnolo” cede il posto, quindi, all’uomo “metropolitano“, che ostenta il proprio volto nei social e calibra, accuratamente, posture e outift di ogni sorta. Nell’abitazione in cui il capomafia di Castelvetrano risiedeva, in quel di Campobello di Mazara, non sono state trovate armi, ma proprio indumenti costosi e firmati.

L’immagine pubblica di Cosa Nostra è sempre stata correlata alle dinamiche contestuali, nonché alla rappresentazione del sé che si voleva veicolare e Matteo Messina Denaro rappresenta il boss 2.0.

Oggi, nell’era cibernetica, i sodali dell’organizzazione si mostrano senza filtri, ostentando opulenza e nulla che abbia a che vedere con l’immagine remissiva e “popolare” dei precedenti boss, un po’ come nella cinematografia americana.

Tuttavia, restano alcuni elementi tipici della cultura mafiosa tradizionale. Pare infatti che la pratica del “dono“, sia l’unica a cui sia rimasto fedele il boss. Regalava olio ai medici e immortalava gli interventi chirurgici per immagini, durante una latitanza sui generis.

Anche il linguaggio segue i  cambiamenti dell’organizzazione: dai pizzini ai social, il salto evolutivo è compiuto,

Sono Matteo Messina Denaro” è un’affermazione forte, che in maniera inequivocabile, attesta quella rivendicazione identitaria cui il capomafia ricorre.

Controllo territoriale, potere e lusso: le carte della mafia stragista ai tempi dei social.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, scuole, riscaldamenti e pulizia: dai minisindaci le segnalazioni alla II circoscrizione CLICCA PER IL VIDEO

Fotografare lo stato di salute delle scuole elementari della II circoscrizione di Palermo attraverso lo sguardo attento degli stessi alunni. E, allo stesso tempo, avvicinare i più piccoli alla politica, spiegando come funziona la macchina amministrativa.

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.