Condividi

Migranti, continua l’emergenza. Senise (COISP): “Numero di poliziotti insufficiente”

mercoledì 2 Ottobre 2019

Il massimo esponente del COISP Regionale Sicilia, Maurizio Senise, senza voler esprimere giudizi di merito sulle politiche migratorie adottate dall’esecutivo attualmente in carica, non può esimersi “dall’esternare forti preoccupazioni per una gestione della sicurezza che tutela sempre meno il personale in divisa nell’emergenza sul fronte migratorio”.

Il COISPprosegue Seniseha più volte rappresentato al Dipartimento l’insufficiente numero di poliziotti impiegati in questa emergenza, sottoposti a turni massacranti in barba a contratti ed accordi faticosamente ottenuti dal Sindacato negli ultimi decenni in difesa della categoria“.

Nei giorni scorsi, diversi servizi di scorta migranti, sono stati svolti in nome dell’emergenza senza tener conto delle prescrizioni ministeriali rispetto all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e delle unità da impiegare in proporzione al numero degli accompagnati“.

I diversi tentativi di rivolta, ad opera degli ospiti nei CPR di Milo (TP) e Pian del Lago (CL), sono stati contenuti con enorme rischio, fatica e professionalità dal personale dell’XI Reparto Mobile di Palermo divenuto, nelle circostanze, bersaglio di oggetti contundenti e suppellettili risultanti dai danni materiali alle strutture dei Centri in argomento da parte dei facinorosi“, sottolinea il  segretario regionale del COISP.

Il servizio di identificazione presso l’hot-spot di Lampedusa presenta le medesime condizioni di rischio per gli uomini in divisa ridotti a pochissime unità costrette a sobbarcarsi carichi di lavoro estenuanti a seguito dei frequenti sbarchi sull’isola. Il COISP, responsabilmente promuove la tutela della categoria rappresentata in tutte le Sedi nel rispetto delle prerogative sindacali conferite dalla Legge“.

Si auspica – continua Senise – che tali anomalie vengano al più presto risolte da chi ne ha le responsabilità, con provvedimenti efficaci per non trovarsi a raccontare il “peggio” a discapito dei tutori dell’ordine senza dover dire “lo avevamo già detto”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, estate tutta da vivere a Giardini Naxos: turismo, eventi, cultura, arte CLICCA PER IL VIDEO

Con gli assessori comunali di Giardini Naxos Fulvia Toscano e Ferdinando Croce scopriamo sorprese ed eventi di un’estate da boom di turisti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.