Condividi
aperta inchiesta su Humanity 1

Catania, navi Ong “Humanity 1” e “Geo Barents”: la situazione

domenica 6 Novembre 2022

La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta sulla possibile presenza di scafisti su nave Humanity 1. Le indagini della squadra mobile mirano ad individuare eventuali componenti dell’equipaggio delle due barche soccorse dalla Ong nel Mediterraneo.

Continuano nel porto di Catania le proteste di attivisti contro il decreto sull’immigrazione. Davanti al cancello dell’accesso al molo 25 ci sono decine di persone che lanciano slogan come “liberateli tutti, liberatele tutte” e espongono uno striscione rosso con la scritta bianca #portiaperti.

La Geo Barents intanto è giunta nel porto di Catania, nave di ricerca e soccorso di Medici Senza Frontiere, con a bordo 572 naufraghi.

La nave, come riferito dalla ong, ha ricevuto l’autorizzazione dalle autorità italiane affinché vengano valutati i casi di vulnerabilità a bordo. Si tratta della seconda nave presente dopo la Humanity 1, con a bordo 179 migranti, di cui 144 sbarcati a seguito dell’ispezione a bordo. L’approdo è previsto in un altro molo rispetto a quello di Levante dove ancora si trova nave Humanity 1.

Le donne e bimbi accompagnati dalle madri sono tra i primi ad essere sbarcati dalla Geo Barents. Sulla a nave gli ispettori stanno valutando i casi di vulnerabilità. Ad essere sbarcata oltre a un’intera famiglia, ci sono tre donne incinte, 50 minorenni non accompagnati e altri dieci minorenni assieme alle loro famiglie.

L’ultimo aggiornamento del Viminale delle 18:45 circa comunica che alla nave Geo Barents sono al momento scesi 56 migranti minori non accompagnati, 3 donne e 41 componenti dei nuclei familiari.

“Sono scesi complessivamente 144 migranti, di cui 102 minori: cento non accompagnati. L’unico nucleo familiare è composto da due minori e uno zio. Tutti i migranti scesi dalla nave, dopo le operazioni di prima assistenza e identificazione sono stati trasferiti nei centri di accoglienza. I 35 migranti rimasti a bordo della nave hanno ricevuto pasti caldi” fa sapere sempre il Viminale nella sua nota.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.