Condividi

Operazione Linea d’addio; sequestrarono anziani, misura cautelare per una banda

giovedì 12 Gennaio 2017
Sono accusati a vario titolo di rapina, furto e sequestro di persona gli autori della violenta rapina ai danni di una coppia di coniugi aggrediti nella loro casa, lo scorso ottobre, a Ucria (Messina). Al termine dell’operazione “Linea d’addio” la polizia del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Patti, coadiuvati dai colleghi delle Squadre Mobili di Messina, Palermo e dei Commissariati P.S. Capo d’Orlando, Termini Imerese e Partinico, ha eseguito una misura cautelare in carcere nei confronti di Costantin Aioani 22 anni e Georgian Hatos di 24, entrambi originari della Romania, Antonio La Bua 28 anni e Gianluca Terrana di 31, ritenuto il capo del gruppo, entrambi di Termini Imerese (Palermo), e di un minorenne di nazionalità romena condotto in una struttura per minori. Ai domiciliari sono finti, invece, Francesco Lama 29 anni e Giuseppe Augetto di 30. Sottoposti a obbligo di dimora, infine, Franco Galati Rando, 48 anni di Tortorici, considerato il basista locale del gruppo, e Angelo Incardona, 40 anni di Campofelice di Roccella (Palermo).
I malviventi, nella notte del 16 ottobre, s’introdussero in una villa di contrada Piano Campo armati di coltello e con il volto coperto da passamontagna. Dopo essersi avventati sui due anziani settantenni di Capo D’Orlando (Messina) che si trovavano ad Ucria in vacanza, hanno costretto la coppia a consegnare denaro e preziosi, obbligandoli a consegnare anche le chiavi di un appartamento di Capo d’Orlando di loro proprietà dove era custodita una cassaforte, raggiunta e svuotata dal resto della banda mentre due rapinatori controllavano i coniugi.
Tolti i telefoni cellulari alle vittime i malviventi si diedero alla fuga portando con sé anche l’auto delle vittime. I poliziotti, grazie alle immagini dei sistemi di video sorveglianza della zona e al controllo delle utenze telefoniche attive quella notte sono riusciti a risalire al basista e al resto della banda che sarebbero responsabili di un altro furto in villa compiuto nel novembre scorso a Sant’Agata di Militello.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.