Condividi

Palermo, 18 arresti per mafia: i nomi degli indagati

mercoledì 6 Luglio 2022

A seguito delle indagini del nucleo investigativo dei carabinieri che hanno delineato l’organigramma del mandamento e individuato il reggente del clan, si è proceduto all’arresto di 18 individui.

Gli indagati nell’operazione Vento dei carabinieri del comando provinciale di Palermo sono: Giuseppe Di Giovanni, 42 anni, Tommaso Lo Presti, 57 anni, Giuseppe Auteri, 47 anni, Calogero Lo Presti, 69 anni, Giuseppe Giunta, 35 anni, Domenico Lo Iacono, 46 anni, Salvatore Di Giovanni, 28 anni, Antonino Ventimiglia, 52 anni , Roberto Verdone, 51 anni, Nicoló Di Michele, 31 anni, Salvatore Incontrera, 25 anni, Antonino Stassi, 33 anni, Giorgio Stassi, 67 anni, Andrea Damiano, 44 anni, Gioacchino Pispicia, 25 anni, Antonino Bologna, 25 anni, Gioacchino Fardella, 21 anni, Leonardo Marino, 32 anni. I 18 fermati sono stati portati nel carcere Pagliarelli.

Nell’operazione Vento che ha portato a 18 fermi nella notte dei carabinieri del comando provinciale nel mandamento mafioso della Zisa c’è un capitolo che riguarda il condizionamento del voto nel capoluogo. Il riferimento è senz’altro alle ultime elezioni amministrative. Al momento trapela ben poco su questi aspetti e nel provvedimento di fermo ci sono numerosi omissis. I boss coinvolti nell’inchiesta avrebbero procurato voti ad alcuni candidati. Certamente alcuni di loro erano sotto intercettazione ambientale o telefonica da tempo. Una conferma arriva anche da quanto intercettato a metà maggio dagli agenti della squadra mobile. Quando Giuseppe Incontrera ucciso sei giorni fa da Salvatore Fernandez aveva intenzione di fuggire perché già si sentiva braccato. Anche Di Giovanni aveva detto alla moglie, il 19 maggio scorso, spiegava che “stasera ci dobbiamo coricare là… ci vado solo io… tranquilla… pure a me dispiace ma che ci possiamo fare”.

La droga rappresenta una fonte sicura di reddito per la mafia. Una nuova conferma arriva dall’operazione Vento dei carabinieri del comando provinciale che ha portato a 18 fermi nella notte nel mandamento di Porta Nuova. I militari hanno accertato che gli uomini della cosca garantivano un servizio per i clienti attivo h24 che sarebbe stato gestito, secondo l’accusa, da Roberto Verdone. Nicolò Di Michele e Salvatore Incontrera (figlio dell’uomo assassinato alla Zisa) . In ognuna delle piazze principali di spaccio sarebbe stato individuato un capo: secondo gli investigatori, Giuseppe Giunta e Andrea Damiano al Capo e a Ballarò, Gioacchino Pispicia in via Cipressi, Leonardo Marino alla Vucciria, Antonino e Giorgio Stassi in via Regina Bianca.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.