Condividi

Palermo: da tre anni una famiglia vive nei locali dell’Irsap | Video

venerdì 23 Marzo 2018

 

Da tre anni una donna, il marito e il figlio vivono nei locali del Centro direzionale dell’Irsap, l’Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, sito nella zona industriale di Brancaccio a Palermo. Con loro anche tre cani accuditi con affetto. Il posto è buio e facilmente accessibile da chiunque. “Dobbiamo proteggerci – spiega la signora – i cani ci fanno compagnia e abbaiano quando vedono uno sconosciuto”.
Una storia di povertà che affonda le sue radici nel dramma della disoccupazione, ma anche nell’incapacità delle istituzioni di fornire soluzioni a chi vive la tragedia di non avere un impiego e una casa.

Guarda il video in alto

Le difficoltà iniziano quando il marito, dopo aver lavorato tanti anni per un’impresa che fornisce e installa ponteggi, viene licenziato a causa della crisi. Da quel momento l’uomo non riesce più a rientrare nel mercato del lavoro. Come accade a molte persone della sua età, a 50 anni, trovare un’occupazione in Italia è un’impresa quasi impossibile, figurarsi a Palermo. Perciò deve accontentarsi di lavoretti saltuari e spesso mal pagati, che bastano a malapena a comprare qualche bene di prima necessità.

Dopo aver ricevuto diversi avvisi di sfratto lui e la sua famiglia sono costretti a lasciare la casa nella quale avevano abitato fino a quel momento. In preda alla disperazione decidono, quindi, di cercare rifugio in quell’edificio enorme che avevano sempre visto dall’esterno e dove il cancello che dovrebbe regolare l’accesso delle auto del personale e degli utenti dell’Irsap è sempre aperto.

Così un parcheggio coperto, ma aperto su due lati, un locale tecnico e una stanza adiacente alla mensa vengono adibiti ad alloggio di fortuna dai protagonisti di questa triste vicenda, nella speranza che prima o poi una bella notizia possa cambiare le cose. Tutti sono a conoscenza della situazione in cui si trovano, dai dipendenti ai dirigenti del Centro, dalle forze dell’ordine agli assistenti sociali del Comune, ma ad oggi nessuna soluzione è stata trovata per dare una mano concreta a questa famiglia e per sanare una situazione di degrado sociale ed istituzionale.

Il marito fa il volontario nella “Missione di Speranza e Carità” di Biagio Conte, ottenendo una piccola ricompensa in denaro. Dal canto suo la signora continua a sperare. Ha fatto domanda al Comune per una casa popolare e ha più volte chiesto aiuto per un lavoro. Richieste che ribadisce ancora una volta al sindaco Leoluca Orlando.

La replica dell’Irsap

“IRSAP ha opportunamente denunciato alle autorità competenti la presenza della famiglia indigente che dal febbraio 2015 ha abusivamente occupato i locali dei garage del centro direzionale Irsap di via Ferruzza, a Brancaccio, segnalando la presenza ai servizi sociali comunali – è quanto sottolinea l’Amministrazione dell’Istituto regionale per lo sviluppo delle Attività produttive -. Già qualche mese addietro Irsap ha ulteriormente denunciato, oltre l’occupazione abusiva di un locale appartenente ad un ente pubblico, anche il furto alla rete idrica – sottolinea l’amministrazione -. L’Ente si trova in una condizione di forte imbarazzo data la situazione di degrado degli occupanti, e rimane in attesa di una non più rinviabile soluzione da parte dei servizi sociali del Comune di Palermo che sono preposti a questo perché possano prendere in carico questa vicenda”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.