Condividi

Rex, sfrattato dalla sua Lampedusa e chiuso in una gabbia: “Serve una casa o morirà” | FOTO

sabato 15 Maggio 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

A Lampedusa, isola presa d’assalto dagli sbarchi di migranti, un cittadino speciale ha perso la propria casa ed è finito tra le sbarre.

Martedì sera, 11 maggio, è partito da Lampedusa Rex, uno dei cagnoloni che da anni stazionava all’interno del centro accoglienza di Lampedusa.  Era un cane buonissimo, amato e accudito dagli isolani, operatori e dai militari.

Sfortunatamente però, qualche giorno fa, ha morso un operaio che lavorava all’interno del centro, il quale ha sporto denuncia. Purtroppo è difficile stabilire e ricostruire come veramente sia andata, di certo l’aggressione di un cane che è sempre stato buono… non avviene per caso.

Ora il cucciolone si trova in un canile ad Agrigento, ma non merita di finire lì i suoi giorni. Per Rex, abituato alla libertà, al sole e alle tantissime coccole, il canile sarebbe la morte.

I VOLONTARI

“Non è quello il suo posto – dice Ilenia Rimi, delegata per la Sicilia della onlus Un atto d’amore -.  È un cane che ha sempre vissuto tra la gente, che lo amava, e che non ha mai fatto male a nessuno”. 

“Va d’accordo con i bambini, è stato sempre accudito e amato dai cittadini di Lampedusa e dai volontari delle associazioni animaliste – aggiunge -.Gli vogliono bene anche le forze dell’ordine dell’isola che lo hanno sfamato in questi tre anni. Inoltre è vaccinato, microchippato e sano. Che stia chiuso dentro quella gabbia, e ormai lontano dalla sua isola, è davvero una condanna che non merita”.

“Vero o meno che sia quanto accaduto, questo basta per farlo dichiarare “cane morsicatore” e in questi casi la legge è chiara, va allontanato e chiuso in un canile, almeno fino a quando non ci sia qualcuno che voglia prendersene cura”, prosegue.

In molti stanno cercando di aiutare Rex. I volontari della Onlus hanno anche diffuso un appello, con un numero di telefono (333 5903757) dedicato a chi volesse adottarlo.

Ora serve un’adozione di cuore, uno stallo o una struttura dove non debba vivere in gabbia perchéqualsiasi canile, dopo una vita in libertà è la morte cerebrale e la mortificazione nell’anima di una creatura così indifesa“, sottolinea Ilenia Rimi.

 

 

Iscriviti a “Il regno degli animali” per rimanere aggiornato e inviaci delle segnalazioni su ilregnodeglianimali@ilsicilia.it.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

A Bar Sicilia, Nuccia Albano: “Al fianco dei deboli. Rdc? Siciliani chiedono lavoro”

E’ Nuccia Albano, assessore regionale alla Famiglia, Politiche Sociale e Lavoro, l’ospite della puntata numero 224 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, l’esponente della Dc ha fatto il punto sulle iniziative del Governo a sostegno dei disabili, delle vittime di violenza ma anche sugli interventi a sostegno dell’occupazione

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.