Condividi

Ritardi per Bellolampo e aumento Tari: tutte le grane della Rap

sabato 20 Marzo 2021
Rifiuti davanti impianto Bellolampo
Rifiuti davanti impianto Bellolampo

Brutte notizie da Palazzo delle Aquile. La presidenza della Rap ha annunciato che la settima vasca di Bellolampo non sarà attiva prima della metà del 2022, secondo i tempi dettati dalla Regione, con la conseguenza che sarà necessario “esportare spazzatura  fuori regione visto che la sesta vasca ormai satura ha una autonomia di un paio di mesi”, come dichiara Igor Gelarda, capogruppo della Lega al Consiglio comunale di Palermo.

“I costi sono altissimi, di decine di milioni di euro, che ora dovremo pagare anche per il 2021 e per parte dell’anno prossimo”, prosegue Gelarda.

Sulla questione Bellolampo c’è poi da dire che esiste ancora un bando di gara in fase di aggiudicazione, perciò si dovrà aspettare di avere la nuova discarica, comportando inevitabilmente delle difficoltà operative della Rap che dovrà trasferire l’immondizia in altri impianti, con un ulteriore aggravio dei costi per la gestione dei rifiuti.

E chi pagherà? Ovviamente i contribuenti palermitani, sulle cui spalle graverà il costo extra dell’immondizia, in vista di un possibile incremento, non proprio modico, della Tari, e nonostante il danno anche la beffa, constando una città sporchissima. Intanto il Comune fa cassa, ma non eroga adeguatamente il servizio pubblico essenziale, come quello della raccolta indifferenziata dei rifiuti, che a questo punto, stenterà a decollare.

Questa dei rifiuti rimane ancora una situazione irrisolta”, come afferma il consigliere comunale del M5S, Antonio Randazzo.

A questo si aggiungono gli oltre 40 milioni di debiti del Comune e 7,5 della Regione verso Rap, che rischia il tracollo se i creditori non pagheranno i debiti. Rap che, comunque, necessita urgentemente di nuove assunzioni e quindi un potenziamento importante. E a proposito di dipendenti, il Cda dell’azienda in questione fa sapere che è esclusa, al momento, la possibilità di un trasferimento di quasi 100 lavoratori da Reset a Rap, mancando le opportune risorse economiche.

Sono innegabili i ritardi accumulati  da parte della Regione su Bellolampo, ma le responsabilità del Comune sono enormi per i mancati investimenti, anche tecnologici, sulla raccolta differenziata, che permetterebbero sicuramente di abbassare i costi e migliorare l’efficienza dei servizi.

rifiuti discaricaQueste sono le principali novità che rischiano di incidere negativamente sulle tasche dei palermitani, emerse dall’ultima seduta del Consiglio comunale, convocata per discutere del Piano economico finanziario (Pef) 2020 e 2021, il documento che fa luce sui costi del servizio di igiene ambientale e di raccolta e smaltimento dei rifiuti, e la prospettiva di traghettare i rifiuti fuori dall’Isola rischia di far saltare i conti.

La promessa del sindaco Leoluca Orlando era di scongiurare questa ipotesi, ma l’assessore comunale all’Ambiente Sergio Marino ha già constatato da tempo che l’eventualità di un rincaro non era da escludere. “Non sapevo – ha ammesso – che la situazione fosse così drammatica. Io avevo contezza di una sesta vasca con una capienza di sei o sette mesi e ora i mesi diventano due. In queste condizioni la differenziata dovrebbe arrivare al 40% per poter sostenere i costi per portare i rifiuti fuori dalla Sicilia”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.