Condividi
La situazione

Sempre meno medici di base nei territori interni: il caso “Madonie”

martedì 6 Febbraio 2024

Si sa, la storia della sanità siciliana non ha mai brillato per efficienza. Tra povertà sanitaria, lunghe liste di attesa da abbattere e proteste, non ultime quelle dei laboratori di analisi, a cavallo del nuovo anno per l’introduzione del nuovo tariffario, sotto al tappeto si nasconde altra polvere. La carenze di medici è ben nota e il reclutamento dall’estero, al momento, è l’unica tra le ipotesi vagliate ritenuta percorribile e così potata avanti. Una strategia così “estrema” evidenzia l’incapacità di formare e (soprattutto) poi valorizzare una professione che nel corso degli anni, pezzo dopo pezzo, ha perso la sua capacità attrattiva. Tutta l’Isola inizia a vederne le conseguenza ma i primi segnali di allarme, non colti e sottovalutati, era giunti già molto tempo prima dai territori più piccoli. L’emergenza nelle aree interne e nei paesi delle Madonie dove i medici di base sono in via di estinzione si presenta nella sua ingombrante staticità.

Due medici per circa quattro mila abitanti: è questa la situazione disastrosa di Isnello, il cui destino è collegato  infatti con quello di Collesano. Oltre la stessa unica unità socio-sanitaria, i due Comuni condividono anche i disagi che i cittadini sono costretti a vivere e lo stress del carico di lavoro eccessivo dei medici.

Conosce molto bene la situazione Pino Mogavero, medico ormai in pensione ma che ha provato sulla propria pelle le conseguenze di una sempre minore presenza di colleghi nelle aree interne. “Isnello e Collesano contano 1.860 assistiti. Quando sono andato in pensione, dopo 43 anni di attività, in 1.000 sono rimasti senza medico. Il problema riguarda anche altri Comuni delle Madonie“. Ma quali sono i tasselli che hanno portato a questa condizione?Il numero di mediciaggiunge Mogaveroè troppo basso. Alcuni fattori sono legati alla formazione e al numero chiuso all’Università che ha bloccato il diritto allo studio. Poi il massimale di 1.800 assistenti. Fisicamente non è possibile. Lavoravo anche 13 ore al giorno, compresi sabato e domenica per definire le pratiche che non riuscivo a portare a termine durante la settimana. Le retribuzioni sono misere ed è necessario sgravare i medici da tutta una sequenza di pratiche burocratiche che prima non riguardavano la medicina di base“.

Dal sindaco di Isnello Marcello Catanzaro dopo una serie di incontri con il direttore del Distretto sanitario, con la possibilità di affidare alla guardia medica la prescrizione di farmaci, esami e piani terapeutici. Si tratta ovviamente di “pezze” che non risolvono il problema, che come sottolinea Mogavero, persiste ed è anche legato all’accesso e alla difficoltà degli anziani di muoversi o spostarsi, soprattutto in caso di visite urgenti. Di questo ne è consapevole anche il primo cittadino che si è già detto pronto ad adoperarsi e portare la questione in assessorato. 

Porterò le mie proposte non come singolo ma come Unione delle Madonie. Tramite decreto – spiega Catanzaro – l’assessore potrebbe indicare queste aree come disagiate. Ciò consentirebbero degli incentivi in più ai medici. Inoltre dovrebbe essere rivista la struttura degli ambiti territoriali e ridurli in due, alte e basse Madonie. Ciò permetterebbe di avere una maggiore elasticità in aree più vaste“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Lombardo a Bar Sicilia: “Autonomia sfida da cogliere, con la Lega patto federativo” CLICCA PER IL VIDEO

Dall’autonomia differenziata ai precari equilibri tra partiti. Ospite della puntata di Bar Sicilia è l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo, fondatore e leader del Movimento per le autonomie

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.