Condividi

Si attendono nuove risorse dalla Regione per lo scorrimento delle borse di studio

giovedì 7 Maggio 2020

Per dare risposte immediate alle esigenze degli studenti in difficoltà, non abbiamo voluto aspettare la pubblicazione della Legge di Bilancio regionale in cui il governo regionale Musumeci mette in campo nuove risorse per gli ERSU siciliani (n.d.r.: 6 milioni di euro) e abbiamo voluto procedere, immediatamente, all’assegnazione di nuove 1.051 borse di studio agli studenti universitari, facendo scorrere le graduatorie, e decidendo di distribuire anche a 4.425 studenti (che sarebbero rimasti idonei senza alcun aiuto) un assegno di 400 euro riassorbibile in caso di erogazione della borsa di studio.

A dichiararlo è il presidente dell’ERSU Palermo, Giuseppe Di Miceli, relativamente alla situazione dei contributi regionali sul diritto allo studio.

Intanto, a tutti i 1.282 fuorisede (non già assegnatari di nessuna borsa di studio) in regola con il contratto di locazione verrà assegnato un contributo alloggiativo fino a 1.300 euro (costo 1,6 milioni ricevuti con questa finalità proprio dall’assessorato dell’Istruzione in questi giorni) che si aggiungono agli 865 contributi alloggiativi già erogati (costo 1,1 milioni di euro). Purtroppo – continua il presidente dell’ERSU – la Sicilia occidentale registra un numero molto sopra la media regionale e nazionale di studenti in difficoltà economica e di fuorisede, elementi questi che rendono più difficile la copertura di tutte le borse (n.d.r.: nell’anno accademico in corso c’è stato un incremento del 30% di studenti richiedenti la borsa di studio)“.

Ma – continua Giuseppe Di Miceli – auspichiamo che con le ulteriori risorse che sono state stanziate grazie all’impegno dell’assessore regionale dell’Istruzione Roberto Lagalla, anche in quest’ultima legge di Stabilità regionale ormai in procinto di essere pubblicata, si riescano a colmare tutte le criticità dando attuazione pienamente al diritto allo studio portando l’importo della borsa di studio erogata alla piena quota prevista. In ogni caso – conclude il presidente dell’Ersu – rimaniamo sempre pronti ad ascoltare e incontrare gli studenti che abbiano bisogno di dialogare con l’Ente per la risoluzione delle problematiche inerenti il tema del diritto allo studio“.

Durante l’ultimo Consiglio di Amministrazione dell’ERSU, svolto il 4 maggio scorso, era stata deliberata l’erogazione di 4 milioni di euro in favore di 5.476 studenti universitari risultati idonei al bando di concorso 2019/2020 per i benefici e i servizi ERSU che si sono sommati ai 4.829 studenti già assegnatari e fruitori di borsa di studio e che hanno percepito un assegno (in base alla fascia ISEEU e alla condizione di studente in sede, pendolare o fuorisede) da euro 1.183 a euro  2.731. Invece, 2,2 milioni di euro sono stati, destinati allo scorrimento delle borse di studio destinate a numero 1.051 studenti. Sulla base delle risorse disponibili, 1,8 milioni di euro sono stati destinati a 4.425 studenti cui è attribuito un assegno di 400 euro quale “assegno straordinario emergenziale riassorbibile” (“contributo DSU Covid-19”):un aiuto per la grave situazione sanitaria ed economica che verrà riassorbito in caso di erogazione di sussidi straordinari o della borsa di studio che l’ERSU auspica di potere erogare al maggiore numero possibile di idonei.

Da mercoledì 6 maggio 2020, è stata anche pubblicata sul sito www.ersupalermo.it la piattaforma online per fare richiesta dei benefici riservati a tutti gli studenti del bacino dell’ERSU Palermo(anche non già partecipanti al bando di concorso 2019/2020) che, anche a causa dell’emergenza COVID, si trovano in particolari difficoltà.

I benefici dell’ERSU sono destinati alla platea degli studenti universitari e dell’alta formazione artistica e musicale: dell’Università degli Studi di Palermo e dell’università pubblica non statale LUMSA di Palermo; delle accademie di Belle Arti di Palermo, “Kandinskij” di Trapani, “Abadir” di San Martino delle Scale, “Michelangelo” di Agrigento; dei conservatori di Musica “Bellini” di Palermo, “Scontrino” di Trapani, “Toscanini” di Ribera.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.