Condividi
Il documento

Strage di Casteldaccia, il comitato Inps Sicilia propone misure contro gli infortuni sul lavoro

lunedì 13 Maggio 2024

Quella di Casteldaccia è l’ennesima tragedia che andava certamente evitata e che oggi, come tutte le altre, ci lascia attoniti e sgomenti. Pensiamo ai cinque operai morti, ai due superstiti ed alle loro famiglie e mentre vogliamo far sentire loro tutta la nostra vicinanza, chiediamo, con forza, che si giunga ad una urgente stagione di misure volte a garantire che tutto questo non succeda mai più”.

Lo afferma la presidente del comitato regionale Inps Sicilia, Valeria Tranchina, a proposito dell’incidente sul lavoro che lo scorso 6 maggio è costato la vita a cinque operai che, a Casteldaccia, stavano effettuando dei lavori in una vasca interrata dell’impianto di sollevamento delle acque reflue dell’Amap.

“Nella seduta di venerdì scorso – continua la presidente – il comitato ha approvato un documento contenente proposte e contributi per intervenire in modo deciso affinchè la nostra legislazione italiana in materia di salute e sicurezza sul lavoro, da più parti ritenuta una delle migliori al mondo, sia effettivamente e puntualmente osservata ed applicata”.

“I numeri analizzati venerdì scorso dall’organismo Inps sono impressionanti: solo in Sicilia, nel decennio 2013-2023 si contano oltre 800 morti sul lavoro e un numero sconfinato di richieste di malattie professionali, tutto questo senza considerare i mancati incidenti – aggiunge -. Muovendo proprio da questi dati statistici, le organizzazioni sindacali e le associazioni imprenditoriali componenti il comitato Regionale Inps hanno approvato un documento, nel quale sostengono alcune proposte”.

Tra le quali: conferire centralità ai contratti a tempo indeterminato e rafforzare la lotta al lavoro precario che rappresenta un rischio per la sicurezza sul luogo di lavoro; estendere il cosiddetto Durc congruo, già in vigore nel settore dell’edilizia, a tutti gli altri settori in maniera da stabilire un adeguato rapporto tra l’opera da realizzare e numero di addetti a essa destinata; introdurre il sistema della qualificazione e classificazione delle imprese e della patente a punti coinvolgendo nelle eventuali sanzioni, in caso di morte e/o infortunio grave non solo l’azienda da cui dipende il lavoratore ma anche l’azienda appaltante; adeguare la pianta organica degli ispettori del lavoro in Sicilia.

“Basta parlare di fatalità, di accadimento doloroso, basta nascondersi dietro le parole e le frasi di circostanza – dice Tranchina – il lavoro serve a ben altro, serve a garantire dignità e libertà, così come il miglioramento delle condizioni di vita per i lavoratori e per le loro famiglie.”

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.