Condividi
La situazione

Studenti stranieri in Sicilia, tra mancanza di docenti specializzati e il rischio di “classi-ghetto”

lunedì 8 Aprile 2024

La composizione delle classi, all’inizio di ogni anno scolastico, deve seguire specifici criteri basati sul numero di iscritti. A tal proposito, in questi giorni si discute della possibilità di introdurre un tetto massimo al numero di studenti stranieri. Ma la realtà dei fatti può scontrarsi con i propositi normativi. Una misura di questo tipo, infatti, può provocare dei riflessi di grande rilievo sia sul fronte della concentrazione della popolazione studentesca in alcuni istituti, sia sotto l’aspetto della implementazione degli organici del corpo docenti.

A Palermo, secondo alcuni dati dell’Ufficio scolastico regionale (Usr), il numero di studenti “stranieri” iscritti è di 4.450. La loro concentrazione non è però equilibrata, ma si dispone a “macchia di leopardo” nel territorio del capoluogo. Il numero maggiore di iscritti si registra nelle scuole del centro storico piuttosto che nelle aree prettamente residenziali della città o nei piccoli Comuni.

Dover frequentare un istituto scolastico distante da casa, se la richiesta di iscrizione avvenisse dopo il raggiungimento di un’ipotetica soglia limite, genererebbe delle difficoltà non indifferenti per i ragazzi e le loro famiglie. Come chiarisce Emanuele Panebianco, presidente provinciale Anief per Palermo: “È impensabile che un genitore immigrato faccia andare il proprio figlio a scuola in una zona molto distante dal centro storico dove vive e lavora la maggior parte di loro. Per questo, se venisse introdotto un tetto massimo agli studenti stranieri ci sarebbe anche un rischio enorme di dispersione”.

Inoltre, si pone l’ulteriore problema delle misure che automaticamente scatterebbero al superamento del tetto massimo di studenti stranieri. Gli iscritti “in più” verrebbero inseriti in classi uniche a totale composizione di soggetti con cittadinanza non italiana. “Tenuto conto che il diritto allo studio è costituzionalmente garantitoafferma Panebianconon è possibile impedire ad un alunno di iscriversi a scuola. Quindi il progetto risulta già utopistico in partenza. Mettendo un tetto massimo, ci può essere il rischio di una ghettizzazione”.

Ma dietro questa proposta normativa, potrebbe anche celarsi una questione di tipo economico e laburistico. In alcune classi dove la presenza di discenti stranieri è molto elevata, specie nelle scuole primarie, si manifesta la necessità di metodi di apprendimento specifici della lingua italiana, prima ancora di pensare allo svolgimento dei programmi ministeriali.

A tal fine, esiste la classe di insegnamento A023, cioè il titolo abilitante all’insegnamento dell’italiano agli stranieri. Finora, spiega il presidente provinciale di Anief:Questa categoria era già stata prevista nel 2015-2016 e poi non è mai stata attivata, a parte che per i centri d’istruzione per adulti (Cpia). Tutti questi insegnanti dovrebbero essere inseriti nelle scuole attraverso supplenze e, a posteriori, immissioni in ruolo”.

È chiaro, tuttavia, che a livello economico l’assunzione di nuovo personale scolastico implica degli ingenti stanziamenti a favore del comparto scuola. Al contrario, l’imposizione di una soglia limite non è “costosa” dal punto di vista economico, ma può provocare alcuni risvolti negativi tra cui “una migrazione interna in altre scuole lontane dai luoghi di abitazione e, rischio ancora più grande, quello di un incremento dell’abbandono scolastico”, conclude Emanuele Panebianco.

L’indice di dispersione degli studenti stranieri, a Palermo e provincia è infatti già pari al 10,31% secondo gli ultimi dati diffusi dall’Usr. Punte del 20,18% vengono raggiunte per gli studenti delle scuole superiori di secondo grado. Dato preoccupante, che anziché correre il rischio di subire un incremento andrebbe certamente contrastato al fine di un suo sostanzioso abbattimento.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.