Condividi

Tagli Amat, possibili disagi per i palermitani già da luglio

martedì 4 Giugno 2019
autobus amat

Il possibile taglio della Regione di circa sette milioni di euro all’Amat con il rischio di fermare o ridurre il servizio di Trasporto pubblico a Palermo probabilmente già da luglio anima i consiglieri comunali a Sala delle Lapidi.

Ho richiesto durante la seduta della commissione Bilancio di concordare velocemente un incontro con gli assessori regionali Armao e Falcone in merito al contributo sul TPL“, così Fabrizio Ferrandelli, esponente di punta +Europa in Sicilia.

Un chiarimento urgente sui fondi destinati alla città di Palermo è imprescindibile per valutare la tenuta del sistema Amat e del piano di investimenti previsti dal Comune in relazione alla realizzazione delle nuove linee di tram. In merito a quest’ultima opera – precisa Ferrandelli – si aggraverebbero infatti le perplessità, da me più volte sollevate, circa la tenuta finanziaria in caso di eventuale entrata in esercizio delle nuove linee de tram. Confronto essenziale anche in vista della discussione del bilancio di previsione del Comune di Palermo che dovrà rimodulare, a propria volta, la distribuzione delle somme da destinare alla mobilità cittadina e che rischia di mandare nel caos gli appostamenti” conclude il consigliere.

Sabrina FigucciaSe il futuro dell’Amat è appeso ad un sottilissimo filo, la colpa non è della Regione, che ha pure ridotto la dotazione finanziaria, ma esclusivamente della scellerata decisione di Orlando e compagni di garantire la sopravvivenza dell’azienda di via Roccazzo attraverso gli incassi della Ztl, che sarebbero dovuti essere almeno 30 milioni di euro l’anno, come recita il comma D dell’articolo 13 del contratto di servizio del 2015, ma che in realtà sono poco più di 7 milioni annui”, afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, che prosegue: “Il contratto di servizio dell’Amat, che include il tram, però è stato costruito su un piano industriale che fa acqua da tutte le parti e che mette a rischio la stessa esistenza dell’azienda e il futuro dei lavoratori. Scaricare su Amat il rischio dell’introito previsto con le tariffe Ztl è stato un vero e proprio azzardo, che oggi rischia di portare al fallimento la partecipata”.

Come si ricorderà, infatti, il Comune aveva pensato di estendere la Ztl dalla stazione centrale a piazza Croci, ma, memore delle sentenze del Tar, alla fine decise di ridurre l’estensione della Ztl dalla stazione a piazza Don Sturzo. Questo, ovviamente, ridusse di gran lunga il numero dei pass e quindi gli incassi. Ma, questa riduzione non coincise, com’era logico fare, con una diversa rimodulazione dei finanziamenti all’Amat, che adesso si ritrova addosso un macigno che rischi di affossarla definitivamente” conclude la Figuccia.

Sandro TerraniAnche da alcune parti della maggioranza del Sindaco di Palermo vi sono delle perplessità, infatti il capo gruppo del Movimento 139, Sandro Terrani esprime preoccupazione per i tagli al trasporto pubblico regionale annunciato dalla regione che secondo il consigliere “senza alcun dubbio avrà ripercussioni sui cittadini, che dovranno rinunciare sia alle corse che alla qualità del servizio che le aziende daranno”.

Il rischio che si corre a Palermo -continua Terrani –  è lo stop al tram e di numerose corse delle linee degli autobus, oltre al blocco del potenziamento estivo delle tratte verso le borgate marinare”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, estate tutta da vivere a Giardini Naxos: turismo, eventi, cultura, arte CLICCA PER IL VIDEO

Con gli assessori comunali di Giardini Naxos Fulvia Toscano e Ferdinando Croce scopriamo sorprese ed eventi di un’estate da boom di turisti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.