Condividi

Taormina, Comune affitta bene confiscato al Re dei Videopoker: la gara va deserta

giovedì 28 Dicembre 2017

Il Comune di Taormina mette in gara un immobile confiscato dallo Stato alla ‘Ndrangheta, e nello specifico al cosiddetto “Re dei Videopoker”, Gioacchino Campolo, ma nessuno ha risposto all’avviso pubblico. Si tratta di un immobile sito in zona Spisone per il quale nei mesi scorsi è avvenuta l’acquisizione al patrimonio del Comune di Taormina a seguito di apposita procedura da parte di Anbsc (Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata). L’edificio si trova sulla Via Nazionale ed è, per l’esattezza, il Piano 1, Condominio Villa Elisa, passato al “patrimonio indisponibile del Comune di Taormina per finalità di lucro con reimpiego dei relativi proventi esclusivamente per finalità sociali”. Il Comune aveva previsto di dare il bene (del valore di 500 mila euro) in locazione come “civile abitazione” con reimpiego poi dei relativi proventi, che dovrebbero ammontare complessivamente a 7 mila 360 euro annui, esclusivamente per le suddette finalità sociali.

L’immobile, come detto, era, a suo tempo, intestato a Gioacchino Campolo, l’imprenditore calabrese considerato in rapporti organici con la ‘Ndrangheta, soprannominato il “Re dei Videopoker” condannato definitivamente a 16 anni di carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso per aver imposto a vari esercizi commerciali, grazie al sostegno dei clan, la proprie macchinette, ed al quale complessivamente lo Stato ha confiscato numerosi beni per un valore di 330 milioni di euro. L’avviso pubblico era stata dato dal Comune di Taormina il 21 novembre scorso ma alla data del 18 dicembre scorso non è pervenuto alcun plico da parte di soggetti interessati alla locazione dell’immobile. E così, il 19 dicembre, a Palazzo dei Giurati si è preso atto del nulla di fatto, decidendo che il Comune ripubblicherà adesso l’avviso. Il nuovo tentativo sarà finalizzato a mettere a reddito l’edificio passato a titolo gratuito all’ente locale ed il cui introito, come detto, dovrà in qualsiasi caso essere devoluto dal Comune per scopi sociali.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.