Condividi

Teatro, si ride e si riflette con “The Adam’s Family”

lunedì 4 Marzo 2019
Addam Family ride

Oggi è proprio una brutta giornata” dice Mercoledì, interpretata dalla convincente Costanza Minafra, a fine spettacolo “The Addam Family in Palermo“, andato in scena al Piccolo Teatro Patafisico, sold out anche nell’ultima replica di domenica 3 marzo.

L’idea della regista Claudia Puglisi, che è anche drammaturga, di prendere in prestito personaggi come gli Addams, noti per la loro “distanza” dalla percezione normale di sentimenti e situazioni e contestualizzarli nella Palermo di oggi è risultata efficace.

Addams family

Dobbiamo essere pronti a sacrificare quelli che amiamo per salvare quelli che amiamo“: il piccolo Pugsley è infatti diventato melma rossa in un barattolo e, per riportarlo in vita, bisognerà sacrificare il topo della sorella Alfredo Mercurio IV. Ma le sparizioni insolite non sono finite qui: lo zio Fester è stato ucciso e Mano è stata rapita.

Sono sempre i migliori che se ne vanno e noi ci mangiamo i resti“: gioca tutto sul doppio filo del “bene percepito” e del “bene sacrificato all’altare dell’egoismo” la pièce che, grazie ad un cast di professionisti, Silvia Scuderi, Giuseppe Lo Piccolo, Marzia Molinelli, Antonio Puccia (scene Aurelio Ciaperoni; musiche Giacomo Di Domenico; costumi e grafica Mariangela Di Domenico; luci Gabriele Circo; aiuto regia Giulia Pino), stimola una riflessione leggera, ma sostanziale, nel pubblico.

Addams family

Si ride molto ma si assorbono anche i pezzi della odierna società contaminata da subliminali messaggi di pace e convivenza pacifica.

Esilaranti e ben studiati i siparietti che svelano il rapimento di Mano, coinvolgenti e rutilanti i rituali magici, in latino e tedesco, che le donne di casa recitano interrotte dalle telefonate a fini pubblicitari: tra battute sagaci, in un testo che funziona, e riflessioni sottili si giunge alla scena cardine dove Morticia (Silvia Scuderi) e Gomez (Giuseppe Lo Piccolo) si combattono, sulle note di un tango argentino, per “conoscere finalmente il dolore… perché le rivoluzioni hanno bisogno sempre di sangue“.

Il finale, a sorpresa, ribalta l’impianto iniziale: Pugsley ricompare e si scopre essere stato artefice, in larga parte, delle vicende che hanno coinvolto la Famiglia. Il pubblico applaude divertito.

Lo spettacolo è stato prodotto da La Compagnia Prese Fuoco e dall’Accademia Internazionale del Musical di Palermo.

 

 

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Influenza, Covid e nuovi virus: a Bar Sicilia tutti i consigli dei professori Corrao e Vitale CLICCA PER IL VIDEO

Tra i professori inseriti nella World’s Top 2% Scientist, la graduatoria planetaria delle scienziate e degli scienziati con livello più elevato di produttività elaborata dalla Stanford University, ci sono anche Salvatore Corrao, Professore di Medicina Interna dell’Università di Palermo e Capo Dipartimento di Medicina Clinica dell’Arnas-Civico di Palermo e Francesco Vitale, Professore ordinario di Igiene…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.