Condividi

A Palermo una Giornata di studi su “L’utopia del Giappone in Europa”

sabato 3 Giugno 2017

In occasione della mostra curata da Maria Antonietta Spadaro  O’Tama e Vincenzo Ragusa. Un ponte tra Tokyo e Palermo”, allestita al piano nobile di  Palazzo Sant’Elia dal 12 maggio al 28 luglio 2017 e riguardante il particolare giapponismo introdotto in Sicilia dai due artisti, venerdì 9 giugno sempre a Palazzo Sant’Elia è in programma una Giornata di studi, intitolata “L’utopia del Giappone in Europa”. Si tratta di una riflessione su vari aspetti dello stesso fenomeno che influenzò l’arte europea tra 800 e primi 900.

La mostra, oltre a  colmare una lacuna nella storiografia artistica dell’800 italiano, presenta nel suo scorrevole percorso narrativo una notevole quantità di opere realizzate da O’Tama e Vincenzo Ragusa in Giappone e a Palermo, contestualizzate nel più vasto ambito di un giapponismo locale, segno indiscutibile del dilagante orientalismo dell’epoca. Un totale di 170 pezzi, in massima parte in collezioni private e pertanto inediti, conducono lo spettatore in inconsuete e affascinanti atmosfere.

Si comincia alle 9. Dopo i saluti istituzionali (Leoluca Orlando, Antonio Ticali, Angela Fundarò Mattarella, Raffaele Bonsignore), si entra nel merito con la relazione introduttiva di Maria Antonietta Spadaro.

Interverranno: Mari Kawakami (University of Art & Design, Kyoto), L’esperienza giapponese di Vincenzo Ragusa come insegnante, scultore e collezionista; Loretta Paderni (Museo delle Civiltà “L. Pigorini”, Roma), La Collezione Ragusa al Museo delle Civiltà “Luigi Pigorini” di Roma; Carmelo Bajamonte (Storico dell’arte, Palermo), Gli scritti di Vincenzo Ragusa fra didattica e teoria dell’arte; Rosario Lentini (Storico, Palermo), La scuola di Ragusa a Palermo e le sue vicende; Antonella Purpura (Direttrice Gam, Palermo),Estetismo ed esotismo tra Ottocento e Novecento.

Nel pomeriggio i lavori riprenderanno alle 15: modera Mari Kawakami. Interverranno: Davide Lacagnina (Università di Siena),Vittorio Pica e il giapponismo in Italia; Daniela Brignone (Storico dell’Arte, Palermo), L’estetica giapponese in Occidente: nuove fonti di ispirazione nel XIX secolo; Anna Villari (Università Uninettuno, Roma),Echi giapponesi nell’illustrazione italiana di inizi Novecento, tra scoperte critiche e recuperi formali; Massimiliano Marafon Pecoraro (Università di Palermo),  Japonisme e Art Nouveau: la donna e le arti in Europa tra XIX e XX secolo; Giuseppina Attinasi (Dirigente Scolastico Liceo Artistico “Vincenzo Ragusa e O’Tama Kiyohara”, Palermo), La scuola di Vincenzo Ragusa oggi, nel segno dell’esperienza del passato; Dario Oliveri (Università di Palermo), Il kimono di Odette. Riflessi dell’esotismo nella musica europea del primo 900.

Al termine, una visita guidata alla mostra.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.